GIAPPONE. Trilaterale per la denuclearizzazione di Pyongyang

31

I leader di Giappone, Cina e Corea del Sud hanno confermato in un vertice trilaterale tenutosi presso la State Guest House a Tokyo, il 9 aprile, che lavoreranno insieme per la denuclearizzazione della Corea del Nord. Il primo ministro Shinzo Abe, il premier cinese Li Keqiang e il presidente della Corea del Sud Moon Jae in hanno deciso di sostenere la dichiarazione di Panmunjom, che prevede la “denuclearizzazione completa” della penisola coreana, firmata tra Moon e il leader nordcoreano Kim Jong Un durante il vertice intercoreano alla fine del mese scorso, riporta lo Yomiuri Shimbun.

Abe ha anche cercato di trovare sponda per risolvere la questione dei cittadini giapponesi rapiti dalla Corea del Nord, e ha ottenuto l’intesa di Li e Moon. Secondo il governo giapponese, i tre leader hanno confermato che uniranno le loro forze per lo smantellamento di tutte le armi di distruzione di massa, comprese le armi nucleari, e dei missili balistici in modo completo, verificabile e irreversibile, sulla base delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

All’inizio dell’incontro, Abe ha detto: «Dobbiamo chiedere con forza alla Corea del Nord di intraprendere azioni concrete per la denuclearizzazione». Abe ha anche fatto riferimento alla visita di Kim a Dalian, in Cina, del 7 e 8 maggio, durante la quale il leader coreano ha tenuto colloqui con il Presidente cinese Xi Jinping. Alla luce di un primo vertice tra Stati Uniti e Corea del Nord, Moon ha detto che: «Questo incontro a tre è molto importante in termini di tempistica. Una più stretta cooperazione trilaterale contribuirà realmente a creare pace e prosperità, estendendosi al di là della penisola coreana, nel Nord-est asiatico”.

Manifestando grandi aspettative per il vertice Giappone-Nord Corea, Li ha detto: «Vogliamo riporre speranza nel prossimo vertice Usa-Corea del Nord, così come nel dialogo e nell’incontro tra Giappone e Corea del Nord». I tre leader hanno inoltre preso accordi per la promozione del libero scambio, compresi negoziati accelerati su un accordo di libero scambio tra Giappone, Cina e Corea del Sud, nonché per un partenariato economico globale regionale nell’Asia orientale.

Antonio Albanese