Vaccini dal tabacco

8

GIAPPONE – Tokyo 24/02/2016. L’azienda farmaceutica giapponese Mitsubishi Tanabe ha sviluppato un processo di produzione dei vaccini utilizzando le foglie di tabacco.

Questa tecnica permette di produrre vaccini a un sesto del tempo impiegato normalmente, riporta Nikkei. Ad esempio, il virus dell’influenza utilizzato per sviluppare i vaccini viene normalmente coltivato in uova di gallina e l’intero processo dura cruda sei mesi. Esistono anche altri metodi, come l’utilizzo degli insetti, che riducono il tempo a circa tre mesi, ma il nuovo metodo con le foglie di tabacco riduce il tempo di produzione ad un mese. La società di Osaka impianta il materiale genetico nelle foglie che producono particelle simil-influenzali contenenti antigeni, che provocano la produzione di anticorpi. Il tabacco è a buon mercato, cresce rapidamente e ha un sacco di foglie, fatto che lo rende un incubatore ideale per i vaccini. L’azienda spera di facilitare i processi di controllo della qualità e di ridurre i costi e i rischi poiché le particelle generate nelle foglie non sono in contatto diretto con gli operatori, il rischio di infezione è minimo. L’azienda farmaceutica è nella fase finale dei test e condurrà una serie di studi clinici negli Stati Uniti entro la fine del 2016, al fine di lanciare i vaccini così ottenuti fra il 2018 e il 2020. I vaccini saranno venduti prima negli Stati Uniti a causa delle severe restrizioni nipponiche sui processi produttivi che utilizzano modificazioni genetiche, riporta un comunicato di Mitsubishi Tanabe che sta conducendo test per l’influenza aviaria e per i vaccini antinfluenzali H7 prodotti dalle foglie da tabacco.