NSK contro il segreto di Stato

29

GIAPPONE – Tokyio. 08/12/14. L’agenzia di stampa Xinhua ha riportato una notizia del Nihon Shinbun Kyokai (NSK), associazione della stampa giapponese, che ha presentato un memorandum al ministro della Giustizia giapponese Yoko Kamikawa, in cui chiede “l’uso razionale del diritto segreto” che entrerà in vigore da mercoledì.

Il NSK ha osservato che la legge sul segreto adottata dal parlamento Giappone il 6 dicembre dello scorso anno, è controversa e potrebbe compromettere la libertà di stampa. Secondo la legge, i dipendenti pubblici o altre persone che hanno accesso a segreti di Stato potrebbero essere incarcerati per un massimo di 10 anni se infrangono il segreto. I giornalisti e gli altri del settore privato potranno avere condanne fino a 5 anni se incoraggiano a divulgare i segreti o utilizzano “grossolanamente e in modo inadeguato” le informazioni. Tuttavia, la definizione di “segreto di stato specifico” è così vaga che permette al governo di nascondere le informazioni scomodi, si legge nel memorandum. L’associazione della stampa ha anche sottolineato che la sentenza di persone «che violano il segreto di Stato» è troppo pesante, i dipendenti si chiuderanno in un silenzio assordante. Si rischia che anche le attività di reporting legittime delle agenzie di stampa vengano danneggiate. NSK ha chiesto una partecipazione moderata dall’istituzione legislativa durante l’attuazione della legge. Se “segreti di Stato” individuati dal governo non soddisfano gli standard, il parlamento è tenuto a chiedere al governo di abolire tale richiesta, secondo il memorandum. NSK, è stata fondata il 23 luglio 1946, è un’organizzazione indipendente finanziata e gestita dai mass media del Giappone. Ha 130 membri, tra cui i principali media nazionali e provinciali, come Kyodo News Agency, Asahi Shimbun e Yomiuri Shimbun.