GIAPPONE. Scomparsi milioni di dollari in NEM, criptovaluta nipponica

101

La criptovaluta nipponica perde terreno. Coincheck, una delle più grandi borse digitali del Giappone, ha detto che circa 400 milioni di dollari della criptovaluta Nem sono andati perduti, dopo essere stati inviati “illecitamente” al di fuori della sede, danneggiando gli investitori. Il Giappone è ancora diffidente nei confronti degli scambi digitali tra criptovalute, riporta il South China Mornig Post.

L’azienda ha fatto sapere che non sapeva spiegare come i 500 milioni di Nem fossero andati perduti, ma stava lavorando per garantire la sicurezza di tutti i beni dei clienti. In una serie di tweet, Coincheck ha detto che aveva sospeso tutti i ritiri, ha fermato il commercio di tutti i gettoni tranne il bitcoin, e ha bloccato i depositi in Nem.

Il Nem, la decima criptovaluta più grande per valore di mercato, era sceso del 14% arrivando a 81 centesimi negli Stati Uniti nei giorni scorsi a New York, secondo Coinmarketcap mentre il Bitcoin era sceso del 4 per cento e Ripple veniva ritirato a 8,3 per cento nello stesso periodo (fonte Bloomberg). Gli investitori e i trader sono molto sensibili a qualsiasi notizia che coinvolga i grandi scambi; ogni notizia come quella nipponica rischia di accelerare il calo dei prezzi.

Gli scambi di Cryptocurrency, molti dei quali operano con poca o nessuna regolamentazione, hanno subito un’ondata di interruzioni e mancanze durante l’attuale boom commerciale, che ha spinto il bitcoin e similia a livelli record registrati l’anno scorso. Come il bitcoin, Nem è una criptovaluta costruita da un sistema blockchain, ma utilizza un metodo diverso per confermare le transazioni, secondo il suo sito web. L’estrazione di bitcoin richiede una notevole potenza di calcolo, mentre Nem afferma di no.

In Giappone, uno dei più grandi mercati al mondo del settore, la politica ha introdotto un sistema di licenze per aumentare la supervisione amministrativa locale e centrale, cercando di evitare il ripetersi di crolli precedenti. 

Graziella Giangiulio