GIAPPONE. Pechino Addio: Tokyo paga le società per uscire dalla Cina

215

Il governo giapponese inizierà a pagare le sue aziende per spostare le fabbriche dalla Cina e tornare a casa o nel Sud-Est asiatico, parte di un nuovo programma per assicurare le catene di fornitura e ridurre la dipendenza dalla produzione in Cina.

Cinquantasette aziende riceveranno un totale di 57,4 miliardi di yen in sovvenzioni dal governo, ha annunciato la scorsa settimana il ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria. Altre 30 aziende riceveranno denaro per spostare la produzione in Vietnam, Myanmar, Thailandia e altre nazioni del Sudest asiatico, secondo un comunicato separato, che non ha fornito dettagli sull’ammontare del risarcimento.

Il governo pagherà 70 miliardi di yen in questo giro, riportano Nikkei e Bloomberg. I pagamenti provengono da 243,5 miliardi e mezzo di yen che il governo ha stanziato ad aprile per ridurre la dipendenza dalle catene di fornitura cinesi, con il denaro destinato ad aiutare le aziende a trasferire le fabbriche in patria o in altre nazioni.

Con il deteriorarsi delle relazioni tra Stati Uniti e Cina e l’aggravarsi della guerra commerciale, negli Stati Uniti e altrove sono aumentate le discussioni su come “disaccoppiare” le economie e le imprese dalla Cina. La decisione del Giappone è simile alla politica taiwanese del 2019, che mirava a riportare gli investimenti dalla Cina. Finora, nessun altro Paese ha adottato una politica concreta per incoraggiare il cambiamento.

La Cina è il più grande partner commerciale del Giappone in circostanze normali e le aziende giapponesi vi effettuano massicci investimenti. Lo scoppio della pandemia di coronavirus ha danneggiato questi legami economici e l’immagine della Cina in Giappone. Il governo del primo Ministro Shinzo Abe ha cercato per anni di migliorare le relazioni con la Cina dopo le rivolte anti-giapponesi del 2012, ma le ricadute della pandemia e la disputa territoriale in corso sulle isole e sui giacimenti di gas nel Mar Cinese Orientale hanno indebolito questi sforzi.

Maddalena Ingroia