GIAPPONE. Oltre 44 miliardi di dollari per la Difesa

50

di Antonio Albanese GIAPPONE – Tokyo 05/12/2016. Il governo del Giappone intende portare il bilancio della Difesa a 44,6 miliardi di dollari. Stando a quanto riportava il Mainichi Shinbun, i fondi saranno utilizzati per l’acquisto di nuovi sistemi di difesa aerea a causa dell’incrementata minaccia rappresentata dalla Corea del Nord.
Tokyo prevede inoltre di rafforzare la difesa sulle isole Senkaku nel Mar Cinese Meridionale alla luce delle incrementate attività militari di Pechino.
Vengono così chiariti gli stanziamenti militari supplementari che verranno stabiliti dal consiglio dei Ministri entro la fine dell’anno: il bilancio nipponico della Difesa è in crescita per il quinto anno consecutivo, secondo il giornale. Alla fine di novembre, The Japan News riportava che il governo giapponese era intenzionato ad acquistare un nuovo sistema di difesa antimissile Patriot per 1,7 miliardi di dollari e Yomiuri on line aveva pubblicato la disponibilità nipponica a dislocare sul suo territorio un paio di batterie Thaad, come già fatto dalla Corea del Sud. In entrambi i casi, la motivazione di questo rafforzamento antimissile è la potenziale minaccia rappresentata dalla dalla Corea del Nord.
Il 19 agosto, il ministero della Difesa di Tokyo aveva dichiarato che le proprie necessità per garantire la difesa del paese ammontavano a 51 miliardi di dollari: denaro che sarebbe stato impiegato oltre che per i sistemi di difesa aerea e di difesa missilistica, per lo sviluppo e la produzione di droni e aerei da combattimento e per il previsto acquisto degli F-35 stealth per l’Aeronautica Militare del paese e nello sviluppo di armi innovative come i laser da combattimento.