GIAPPONE. Nuove battaglie globali per GUNDAM

47

La società giapponese Bandai Namco sta utilizzando l’iconico Mobile Suit Gundam e altre proprietà intellettuali per aumentare il valore del business. Dalla fusione di Bandai con Namco del 2005, la capitalizzazione di mercato della società ha superato quella dei produttori di giocattoli americani, Hasbro e Mattel. Sta rinnovando la sua organizzazione verticale e si sta allontanando dalla dipendenza dalla proprietà intellettuale esterna, con l’obiettivo di diventare più simile a Sony, che usa i suoi intangibili per guadagnare attraverso i servizi in abbonamento.

I modelli in plastica di Gundam sono stati messi sul mercato per la prima volta nel 1980 come Gunpla, ma ora il marchio offre una vasta gamma di giochi e video. Nel 2019, le vendite legate a Gundam hanno raggiunto i 78,1 miliardi di yen, pari al 10% del fatturato consolidato.

Il prossimo obiettivo è il pubblico straniero. La percentuale di vendite all’estero di Bandai Namco è del 30%. Anche se i confronti sono difficili, non sono all’altezza di quelli di Hasbro o Mattel e del 40%. Bandai Namco deve aumentare le vendite di Gundam per raggiungere il suo obiettivo del 50%.

Per consolidare tutti i diritti relativi al franchise Gundam, la Sotsu, che possiede i diritti di commercializzazione di Gundam, riporta Nikkei, è diventata una filiale interamente controllata nella primavera del 2020 per 35 miliardi di yen. A partire dal 2021, un film live-action è in programma per un’uscita a Hollywood, mentre un Gundam a grandezza naturale sarà presentato a Shanghai. Inoltre, la capacità produttiva della fabbrica Gunpla di Bandai nella prefettura di Shizuoka è stata aumentata del 40%.

L’azienda sta anche lavorando per utilizzare meglio i dati. Nella primavera del 2021, le divisioni giocattoli e giochi si fonderanno. Inoltre, le operazioni di video, musica e proprietà intellettuale saranno riunite. L’azienda sarà quindi composta da due divisioni principali: una per la gestione della proprietà intellettuale e dei diritti d’autore video, e l’altra per la produzione di giocattoli e altri prodotti. Anche i contenuti digitali stanno diventando sempre più importanti durante la pandemia del coronavirus.

Tommaso Dal Passo