GIAPPONE. Nel 2019 aumenteranno i lavoratori stranieri

115

Il governo del Giappone ha approvato un disegno di legge per rilasciare più permessi di lavoro agli immigrati stranieri non qualificati per far fronte alla crescente carenza di manodopera nel paese, soprattutto nel settore edile, agricolo, infermieristico e dell’assistenza agli anziani.

Il primo ministro Shinzo Abe ha detto ad una commissione parlamentare lo scorso 2 novembre, riporta Efe, che la scarsità di lavoratori è diventata un grosso ostacolo alla crescita economica e il governo sta progettando di affrontarla istituendo un sistema di immigrazione adeguato. La riforma permetterà ai lavoratori stranieri non qualificati in 14 settori con alti livelli di carenza di manodopera, permessi di soggiorno e di lavoro nel paese per cinque anni.

Ai lavoratori altamente qualificati verrebbe concessa la residenza permanente nell’ambito delle nuove riforme. I partiti di opposizione e i sindacati hanno criticato la riforma affermando che sarebbe stata dannosa per i lavoratori locali. Tuttavia, il ministro della giustizia Takashi Yamashita ha assicurato che la riforma non significa che il paese accetterà gli immigrati a tempo indeterminato. Il segretario di gabinetto Yoshihide Suga ha anche detto che il governo prenderà le misure necessarie per assicurare che i lavoratori stranieri e locali siano trattati allo stesso modo.

I gruppi per i diritti e gli esperti hanno criticato la riforma dicendo che è stata fatta su misura per le aziende e l’economia e hanno avvertito che potrebbe essere controproducente consentire ai lavoratori stranieri una lunga permanenza nel paese senza una politica efficace per assicurare la loro integrazione nella società giapponese.

Secondo i dati del governo, il Giappone aveva 1,28 milioni di lavoratori stranieri nel 2017, circa il 2% della forza lavoro totale e il doppio della cifra di cinque anni prima, anche se si tratta di una delle quote più basse di lavoratori stranieri tra i paesi sviluppati.

La riforma legislativa contribuirà ad aumentare la cifra di circa 500.000 persone entro il 2025 secondo le stime del governo. Il disegno di legge dovrebbe essere ratificato nelle due camere del parlamento giapponese prima del 10 dicembre ed entrerà in vigore nell’aprile 2019.

Graziella Giangiulio