GIAPPONE. L’uppercut di Abe a Xi su Hong Kong

44

Il Giappone guiderà i Paesi del G7 nella stesura di una dichiarazione sul piano cinese di introdurre la legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, ha detto il 10 giugno il primo Ministro giapponese Shinzo Abe. Schierandosi con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla questione in mezzo alle crescenti tensioni tra USA e Cina, Abe è pronto a congelare il rapporto già teso tra Tokyo e Pechino.

La mossa è anche suscettibile di aumentare l’incertezza intorno alla prevista visita di stato in Giappone del presidente cinese Xi Jinping – la prima da parte di un presidente cinese dal 2008 – inizialmente prevista per aprile, ma ritardata a causa della pandemia di Covid-19, riporta Scmp.

Osservando che Tokyo aveva già espresso in precedenza le sue “profonde preoccupazioni” per la mossa di Pechino, Abe ha detto al Parlamento che «il Giappone vuole assumere un ruolo guida tra i Paesi del G7 nel rilasciare una dichiarazione congiunta basata sulla premessa del principio “un Paese, due sistemi”».

Parlando durante una sessione della commissione per il bilancio della Camera dei Rappresentanti, ha affermato che il G7, che «raggruppa paesi che condividono valori universali come la libertà, la democrazia e lo stato di diritto, ha la missione di guidare l’opinione pubblica globale», riporta Reuters.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha manifestato la grave preoccupazione di Pechino al Giappone per la dichiarazione prevista. Hong Kong e la sua legislazione sono gli affari interni della Cina e i paesi stranieri non hanno il diritto di interferire, ha poi aggiunto. Il Giappone non si è unito a Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e Australia quando hanno rilasciato una dichiarazione il 28 maggio – lo stesso giorno in cui il Congresso nazionale del popolo cinese ha approvato una risoluzione che chiedeva la nuova legge su Hong Kong.

Invece, Tokyo aveva emesso una dichiarazione separata che esprimeva “profonda preoccupazione” e aveva convocato l’ambasciatore cinese in Giappone.

Maddalena Ingrao