GIAPPONE. L’economia nipponica resta seduta

65

L’economia giapponese è rimasta invariata e ha registrato solo lievi miglioramenti nel mese di gennaio, nonostante una ripresa degli investimenti delle imprese.

Secondo quanto riporta Asahi Shimbun, il termometro del livello dell’inflazione è stata la scarsa volatilità dei prezzi alimentari che sono aumentati dello 0,1 per cento, principalmente a causa di un piccolo aumento dei prezzi dell’energia, secondo gli ultimi dati diffusi il 2 marzo dal governo.
Il tasso di disoccupazione, il terzo più grande al mondo, è stato leggermente inferiore, al 3,0 per cento, e il numero di posti di lavoro per richiedente è rimasto il più alto degli ultimi 26 anni.
Sotto il primo ministro Shinzo Abe, il governo del Giappone sta cercando di riaccendere l’inflazione nella speranza di ottenere che consumatori e imprese riescano a spendere di più, ma la domanda è rimasta più o meno piatta per l’anno passato. Le famiglie hanno speso l’1,2 per cento in meno nel mese di gennaio di un anno prima.
Il governo nipponico ha tra l’altro lanciato la campagnaPremium Friday”, incoraggiando le imprese a lasciare che i lavoratori finiscano i loro turni di lavoro presto l’ultimo venerdì del mese in modo da fare shopping e avere denaro per il tempo libero allo scopo di contribuire a rafforzare l’economia.
I redditi delle famiglie sono aumentati poiché i più anziani e le donne sono entrate nel conteggi della forza lavoro, ma le famiglie hanno avuto la tendenza generale a metteremo parte e risparmiare eventuali aumenti, e inoltre ci sono stati solo scarsi aumenti dei salari nipponici.
Le esportazioni sono cresciute alla fine dell’anno scorso, ma sono rimaste deboli nel mese di gennaio a causa delle vacanze per il nuovo anno lunare in Cina e in molti altri paesi asiatici, importanti partner commerciali per il Giappone. I dati pubblicati in precedenza avevano mostrato che la produzione industriale era scesa dello 0,8 per cento nel mese di gennaio rispetto al mese precedente.

Graziella Giangiulio