Tokyo non cede a ISIS

36

STATO ISLAMICO – Raqqa 20/01/2015. Lo Stato Islamico ha minacciato di uccidere due ostaggi giapponesi se non verrà pagato un riscatto di 200 milioni di dollari entro 72 ore.

Tokyo ha detto il 20 gennaio che non avrebbe ceduto al “terrorismo”. Lo Stato Islamico che ha già ucciso cinque ostaggi occidentali da agosto dello scorso anno, è la prima volta che ha minacciato prigionieri giapponesi. Nel filmato pubblicato su siti web militanti, un militante vestito di nero brandendo un coltello parla, in inglese, in piedi tra due ostaggi nipponici che indossano tute arancioni. «Ora avete 72 ore per far pressione sul vostro governo per prendere una decisione saggia pagando 200 milioni di dollari per salvare la vita dei vostri cittadini», dice il boia. Il boia spiega che la richiesta di riscatto nasce dagli aiuti non militari che il primo ministro Shinzo Abe si è impegnato a fornire ai paesi coinvolti nella campagna contro lo Stato Islamico durante una visita in Medio Oriente che lo ha portato a Gerusalemme. «La posizione del nostro Paese – contribuire alla lotta contro il terrorismo senza cedere – rimane invariata», ha detto il portavoce del governo Yoshihide Suga in una conferenza stampa a Tokyo. Un funzionario nella divisione di prevenzione del terrorismo del ministero degli esteri aveva detto in precedenza che il governo stava indagando la minaccia e l’autenticità del video. Il boia, apparso nel video di minaccia agli ostaggi giapponesi ha parlato con una molto simile sud accento inglese per il militante che è apparso nel filmato pubblicato delle esecuzioni dei britannici e americani. Abe, a Gerusalemme, si è impegnato per un totale di 2,5 miliardi di dollari in aiuti umanitari allo sviluppo per il Medio Oriente, prima tappa del suo tour che lo porterà poi al Cairo il 24 gennaio. Abe ha anche promesso 200 milioni di dollari in assistenza non militare per i paesi afflitti dalla presenza dello Stato Islamico. Il primo ostaggio, Kenji Goto, è un giornalista freelance che ha creato una società di produzione video, la Independent Press, a Tokyo nel 1996, che realizza documentari video sul Medio Oriente e in altre regioni del globo per le reti televisive giapponesi, tra cui l’emittente pubblica Nhk. È nato a Sendai, Miyagi, nel 1967, secondo il sito web della società. Il secondo ostaggio è Haruna Yukawa è il Ceo della Pmc Japan, che ha contratti in Turchia, Siria, Africa.