Simpatizzanti ISIS arrestati in Giappone

64

GIAPPONE – Tokyo 07/10/2014. La polizia giapponese il 6 ottobre ha interrogato diversi cittadini giapponesi che stavano progettando di unirsi allo Stato islamico andando in Siria. 

L’agenzia di stampa Kyodo riporta che uno studente ventiseienne di un college si è costituito alla polizia dopo aver dichiarato pubblicamente la sua intenzione di recarsi in Siria e arruolarsi nello Stato Islamico, fatti che costituiscono un reato per il diritto giapponese. Diversi altri studenti, che vivono con il ventiseienne, sono stati interrogati, ma non sono stati effettuati arresti, riporta Kyodo. La polizia ha detto lo studente può essere stato influenzato in una libreria di seconda mano di Tokyo, in cui era esposto un manifesto che invitava le persone a recarsi in Siria. Anche alcuni dei dipendenti del negozio sono stati interrogati. Un altro cittadino giapponese, poi, è sospettato di aver invitato il pubblico a sostenere il movimento jihadista ed è stato interrogato. È la prima volta che un cittadino giapponese è stato arrestato per aver tentato di unirsi a Isis, riporta l’emittente televisiva di Stato Nhk; secondo la legge giapponese, simili reati sono punibili con pene detentive che vanno da tre mesi a cinque anni.