GIAPPONE. COVID 19 entra nelle basi USA. Allarme a Okinawa

60

Decine di marine statunitensi in due basi sull’isola giapponese di Okinawa sono stati infettati dal coronavirus in quello che si teme sia un’epidemia di massa, ha detto sabato il governatore di Okinawa, chiedendo una spiegazione adeguata all’esercito statunitense.

Il governatore Denny Tamaki ha detto di poter dire solo che recentemente sono state trovate “alcune dozzine” di casi, perché l’esercito americano ha chiesto che la cifra esatta non venga resa nota. I focolai si sono verificati nel Corpo dei Marines. La stazione aerea Futenma, che è al centro di una disputa per il trasferimento, e il campo Hansen, ha detto Tamaki, ripreso da Ap.

I media locali, citando fonti anonime, hanno detto che circa 60 persone sono state infettate: «Gli abitanti di Okinawa sono scioccati da ciò che ci è stato detto dall’esercito americano. Ora abbiamo forti dubbi sul fatto che l’esercito americano abbia adottato adeguate misure di prevenzione delle malattie». Tamaki ha chiesto trasparenza negli ultimi sviluppi e ha detto che aveva intenzione di chiedere colloqui tra l’esercito americano e i funzionari di Okinawa. Ha detto che i funzionari dell’isola hanno anche chiesto al governo giapponese di chiedere che gli Stati Uniti forniscano i dettagli, compreso il numero di casi, di sigillare Futenma e il campo di Hansen, e di intensificare le misure preventive alla base.

Il governo locale nipponico ha fatto richieste simili all’esercito statunitense anche nello scorso fine settimana per rispondere alle preoccupazioni dei residenti locali, ha detto Tamaki. I Marines hanno detto in una dichiarazione che stavano prendendo ulteriori misure di protezione per limitare la diffusione del coronavirus e stavano limitando le attività fuori dalla base. La dichiarazione ha detto che le misure sono «per proteggere le nostre forze, le nostre famiglie e la comunità locale», senza fornire dettagli sulle infezioni.

Okinawa ospita più della metà dei circa 50.000 soldati americani basate in Giappone, nell’ambito di un patto di sicurezza bilaterale, e i residenti sono sensibili ai problemi della base statunitense. Molti abitanti di Okinawa hanno a lungo lamentato l’inquinamento, il rumore e la criminalità legati alle basi statunitensi.

Gli abitanti di Okinawa si oppongono anche al previsto trasferimento della base aerea di Futenma dal sito attuale in un’area densamente popolata a sud verso un’area meno popolata sulla costa orientale. I media locali hanno riferito che l’assemblea di Okinawa ha adottato una risoluzione venerdì scorso per protestare contro la mancanza di trasparenza dell’esercito statunitense in merito all’esplosione della base.

Okinawa ha circa 150 casi di coronavirus. In tutto, il Giappone ha circa 21.000 casi e 1.000 morti, con Tokyo che ha riportato più di 200 nuovi casi per un terzo giorno consecutivo l’11 luglio.

Tommaso dal Passo