GIAPPONE. Cala il numero dei mafiosi nipponici

44

La Yakuza ha subito un forte calo nello scorso anno: sono calati infatti suoi appartenenti. La vita da gangster, riporta Asahi Shimbun, non paga più, alla luce dell’introduzione di una normativa più severa e digradi operazioni della polizia negli ultimi anni.

La polizia nazionale ha annunciato il 16 marzo che il numero di appartenenti alla criminalità organizzata in tutto il Giappone erano 39100 alla fine del 2016; è la prima volta che la cifra scesa sotto quota 40000 da quando il governo ha iniziato a tracciare la Yakuza nel 1958.

Si tratta di 7800 unità in meno rispetto all’anno precedente, ed è stato il 12° anno di fila di diminuizione.

Rispetto ai 18100 dello scorso anno, il numero dei membri Yakuza iscritti è sceso da quota 20000 per la prima volta; sono 2000 in meno rispetto all’anno precedente.

Il numero di quelli classificati come membri semi-registrati, che non comprendono le famiglie Yakuza, ma sono collegati con le loro attività dall’esterno, è calato di 5900 unità dal 2015 ed era di 20900 l’anno scorso.

Le autorità hanno continuato a stringere la morsa sulla criminalità organizzata in tempi recenti: Tokyo e tutti i governi di prefettura in tutta la nazione hanno fatto adottare ordinanze anti-yakuza dal 2011. In queste leggi, i malavitosi sono banditi da una serie di operazioni di base come l’acquisizione di abitazioni e l’apertura di conti bancari.

Queste misure sembrano essere state efficaci, poiché il numero complessivo di mafiosi lo scorso anno è stato meno della metà dei 90600 registrati 25 anni fa, quando è stata emanata la legge anti-crimine organizzato.

Allo stesso tempo, le ultime statistiche della polizia nipponica hanno svelato un lato più oscuro della lotta alla Yakuza.

Delle 9195 persone che hanno lasciato la Yakuza attraverso forme ufficialmente presentate o altre misure tra il 2011 e il 2015, 2660 sono stati arrestati seguito perché coinvolti in attività criminali nel giro di due anni dal loro ritiro, spesso per furto.

Tommaso dal Passo