GIAPPONE. Abe annuncia uno stimolo economico senza precedenti per la Pandemia

223

Il primo Ministro giapponese Shinzo Abe ha annunciato la scorsa settimana che il suo governo avrebbe impresso uno stimolo economico senza precedenti che avrebbe incluso pagamenti in contanti alle famiglie e alle piccole imprese colpite dalle ricadute della pandemia del coronavirus.

«Metteremo a punto un pacchetto di stimoli di dimensioni senza precedenti che supererà quello compilato dopo la crisi di Lehman», ha detto Abe, aggiungendo che il pacchetto comprenderà misure fiscali, monetarie e fiscali. Il governo compilerà un bilancio suppletivo per l’anno fiscale che inizierà ad aprile nei prossimi 10 giorni per finanziare il pacchetto, ha aggiunto Abe ripreso da News18.

Il numero di casi di coronavirus in Giappone continua ad aumentare, nonostante il Paese abbia registrato un numero relativamente basso di casi rispetto ai paesi vicini, come Corea del Sud e Cina. Abe, ha detto che il popolo giapponese dovrebbe «prepararsi a una lunga battaglia contro il coronavirus». Secondo Nhk Abe ha detto che le epidemie negli Stati Uniti e in Europa hanno suggerito che il numero di casi in Giappone «potrebbe aumentare di più di 30 volte l’attuale in sole due settimane».

Abe non intende dichiarare lo lo stato di emergenza, ma ha promesso che il governo elaborerà un pacchetto di stimolo economico d’emergenza entro i prossimi dieci giorni, che includerà benefici in denaro per le famiglie. La dichiarazione di Abe arriva dopo che il governatore di Tokyo Yuriko Koike ha avvertito che la capitale è sull’orlo di un potenziale blocco per la prima volta e potrebbe vedere una “diffusione esplosiva” del virus. Il fine settimana infatti è stato una prova di blocco totale della capitale e delle aree limitrofe, riporta il britannico The Independent

Alcuni esperti hanno messo in discussione le basse cifre del Giappone e hanno detto che il governo si è compiaciuto dei test. Masahiro Kami, capo del Medical Governance Research Institute di Tokyo, riporta il Financial Times, ha detto che non ha senso che un Paese vicino alla Cina «veda un’espansione in casi solo in contemporanea con i Paesi europei». Ha aggiunto che si trattava «solo di una questione di test». 

A febbraio, The Japan Times ha riferito che gli ospedali in Giappone stavano rifiutando i potenziali pazienti infettati dal coronavirus a causa di rigide, ma vaghe linee guida per i test. Solo le persone che erano state a stretto contatto con casi già confermati, o che recentemente si erano recate in zone infette in Cina, e che avevano sintomi simili a febbre e polmonite, potevano essere sottoposte ai test in quel momento.

Sebbene il Paese sia stato colpito da una prima ondata di coronavirus nella sua diffusione iniziale dalla Cina, la vita in Giappone è stata relativamente normale rispetto a altri Paesi che cercavano di fermarne la diffusione.

Tommaso dal Passo