GERMANIA. La NATO mobilita le forze nella Defender Europe 20

1558

È la più grande esercitazione militare degli Stati Uniti attraverso l’Atlantico in un quarto di secolo: si tratta della “Defender Europe 20” . 

La Defender Europe 20 è la più grande esercitazione di ridispiegamento militare statunitense attraverso l’Atlantico degli ultimi 25 anni; secondo la Bundeswehr, circa 20mila soldati dovrebbero essere trasferiti dagli Stati Uniti attraverso la Germania verso l’Europa dell’Est per essere preparati a qualsiasi situazione di crisi e partecipare alle esercitazioni in Germania, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e Georgia.

Si prevede che all’esercitazione parteciperanno complessivamente 37mila soldati provenienti da 18 Paesi alleati. L’esercitazione si svolge nel periodo da gennaio a maggio 2020 ed è utilizzata per praticare procedure su larga scala e procedure per lo schieramento di forze militari ingenti. Ci sono anche sezioni di combattimento, ma l’attenzione si concentra principalmente sulla logistica.

Gli attivisti per la pace hanno chiesto una manifestazione contro l’esercitazione a Bremerhaven, luogo di ammassamento delle truppe per il 22 febbraio. L’organizzazione di protezione ambientale Greenpeace aveva già protestato quando la “Endurance” è arrivata a Bremerhaven.

La Bundeswehr si aspetta ulteriori proteste. «La polizia è pronta a risolvere il problema nel solito modo. Le proteste sono legittime. I crimini non lo sono», ha detto il generale Martin Schelleis, ispettore della base delle forze armate, riporta il tedesco Die Welt. L’esercitazione è, da un lato, una garanzia degli obblighi di sostegno dell’Alleanza atlantica e, in particolare, dell’impegno degli Stati Uniti per la sicurezza dell’Europa, secondo una comunicazione della Bundeswehr. 

Dall’altro lato, “Defender Europe 20” intende inviare chiari segnali per scoraggiare gli attacchi ai Paesi della Nato.

Anche Schelleis ha respinto le critiche all’esercitazione:«Causa ed effetto devono essere differenziati. La Russia è stata in grado di fare ciò per cui la Nato si è approntata per lungo tempo e ha ripetutamente dimostrato in esercitazioni come “Zapat”», ha detto Schelleis.

Lucia Giannini