GERMANIA. Gli USA schierano in Europa i loro lanciarazzi multipli 

45

L’esercito degli Stati Uniti ha annunciato che i sistemi a razzo a lancio multiplo M270, o Mlrs, insieme a diversi veicoli di supporto sono stati dispiegati in Europa. La 41a brigata di artiglieria da campo, l’unica brigata di artiglieria lancia-razzi degli Stati Uniti in Europa, ha ricevuto vari veicoli militari su ruote e cingolati presso il capo del 7° Comando di addestramento dell’esercito a Grafenwoehr, Germania, l’11 settembre 2019.

Secondo le informazioni riportate da Defence Blog, la 41a brigata di artiglieria da campo, che si è attivata nel mese di novembre, ha ricevuto almeno 16 sistemi a razzo a lancio multiplo M270A1. Il sistema M270 Mlrs è entrato in servizio presso l’esercito americano nel 1983.

Una caratteristica unica dell’M270 è che non ha binari di lancio. I razzi vengono sparati direttamente dai container. Ogni container usa e getta contiene 6 razzi; i razzi possono essere immagazzinati nei container senza alcuna manutenzione per un massimo di dieci anni; ogni veicolo trasporta due container di questo tipo con un totale di 12 razzi.

L’unità di lancio Mlrs comprende un lanciatore M270 caricato con 12 razzi, confezionato in due pod a sei razzi o due pod per i missili terra-superficie Atacms Mgm-140. Montato su un telaio Bradley allungato, il lanciatore è un sistema altamente automatizzato di auto-caricamento e di auto-orientamento.

Senza lasciare la cabina, l’equipaggio di tre persone: autista, mitragliere e capo sezione può lanciare fino a 12 razzi Mlrs in meno di 60 secondi.

I razzi possono essere lanciati singolarmente o a ondate da due fino a 12. La precisione è mantenuta in tutte le modalità di sparo, perché il computer riorienta il lanciatore tra un colpo e l’altro. Il sistema di controllo del fuoco computerizzato Mlrs permette ad un equipaggio ridotto, o anche ad un solo soldato, di caricare e scaricare il lanciatore. 

Per le operazioni di carico e scarico viene utilizzato un dispositivo portatile di controllo del braccio e un gruppo gancio a cavo. Il computer di controllo del fuoco permette di effettuare le missioni di tiro manualmente o automaticamente.

Luigi Medici