GERMANIA. Espulsioni e rimpatri restano stagnanti nel 2018

161

Nella prima metà del 2018 sono state effettuate in Germania 12.261 espulsioni. Un confronto con gli anni precedenti mostra che i numeri non aumentano. È stato anche riportato il numero di espulsioni di illegali. Le espulsioni dei richiedenti asilo privi dei requisiti per rimanere in Germania è poi rimasta stagnante, nonostante la nuova legislazione e la volontà politica fissata per l’aumento dei rimpatri, il numero di persone che lasciano la Germania che vengono rimandate a casa sono stagnanti. 

Lo ha annunciato un portavoce del ministero federale dell’Interno ripreso dal Rheinische Post, rilanciato poi da Die Welt, che aveva già riportato la stessa cifra la settimana scorsa. Il numero è approssimativamente al livello degli anni precedenti.

Nel 2017, 23.966 (nel primo semestre: 12.545) persone sono state espulse durante l’interno anno, rispetto a 25.375 nel 2016, nel primo semestre erano stati 13.743. Nel 2015, quando si è sviluppata la crisi dei rifugiati, le autorità hanno contato 20.888 espulsioni, secondo i dati del ministero dell’Interno. Nei giorni precedenti la crisi dei rifugiati, i numeri delle espulsioni erano significativamente più bassi. 

Più di recente, la legislazione è stata rafforzata all’inizio del 2017 per rendere più facile per le persone lasciare il paese europeo per tornare in quello di origine. A quel tempo, è stato deciso che i richiedenti asilo avrebbero potuto essere obbligati a rimanere nei centri di prima accoglienza senza una prospettiva di restare. La durata massima della custodia per l’espulsione è stata aumentata da quattro a dieci giorni.

Inoltre, il ministero federale dell’Interno ha detto che finora quest’anno le autorità tedesche hanno espulso illegalmente cinque stranieri: in risposta a una richiesta del partito dei Verdi, si afferma che nel 2018 i Länder competenti e le autorità municipali per l’immigrazione hanno espulso cinque persone, «sebbene gli atti amministrativi necessari non fossero ancora esecutivi». C’erano stati altri due casi l’anno scorso, e nessuno nel 2015 e nel 2016.

Tommaso dal Passo