GERMANIA. Crescono i salafiti. Berlino interviene

71

La presenza salafita in Germania sta crescendo. Pertanto, la Renania settentrionale-Vestfalia, Nrw, vuole procedere in modo più massiccio contro moschee e circoli radicali. Come riportano Welt e Spiegel, è stato redatto un elenco di 19 istituzioni che è attualmente in fase di revisione da parte delle autorità. Secondo le autorità du Dusseldorf, nei luoghi inclusi in questo elenco si predica la religione islamica, secondo una visione particolarmente radicale, riporta Spiegel

Ora spetta ai dipartimenti di polizia dello stato valutare e completare la lista: «Le autorità di sicurezza della Nrw tengono d’occhio alcune organizzazioni», ha detto un portavoce del ministero dell’Interno. Tramite la lista si può verificare se ci sono le condizioni per la chiusura, o per un procedimento penale. Un ordine di chiusura può essere pronunciato se sono violate le leggi penali o l’ordine costituzionale. Ciò penalizzerà tutte le attività future delle organizzazioni, vietando la creazione di nuove organizzazioni.

Nel land Renania settentrionale-Vestfalia vivono circa 3.000 salafiti. Si tratta di una cifra quasi tre volte superiore a quella di cinque anni fa. L’85 per cento dei membri delle associazioni sono uomini e quasi la metà ha la cittadinanza tedesca. Secondo il ministero dell’interno, 780 salafiti sono considerati inclini all’uso della violenza, circa 250 sono classificati come possibili attentatori

Durante il novembre dello scorso anno, l’organizzazione “The True Religion” è stata bandita (nella foto); in una vasta operazione di polizia effettuata in dieci land, erano stati perquisiti appartamenti e associazioni legaste a moschee. Le operazioni si concentrarono allora in Assia, Renania settentrionale-Vestfalia, Baviera, Bassa Sassonia e a Berlino.

All’inizio dell’anno, il direttore dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione (BfV), intelligence tedesca, ha detto che l’islamismo radicale in Germania non solo è in crescita, ma è sempre più decentrato, con maggiori sfide per le operazioni di sorveglianza.
Nel complesso, il numero di salafiti in Germania, all’epoca, era salito a più di 9700 unità, in forte aumento dalle 3800 persone registrate nel 2011, aveva detto Maassen.

Antonio Albanese