GERMANIA. Berlino rimpatria i figli dei jihadisti tedeschi

62

Il governo tedesco vuole riportare in patria i figli dei membri tedeschi di ISIS che hanno combattuto in Siria. Almeno sei bambini, neonati compresi, si trovano attualmente nei centri di detenzione in Iraq. Il ministero degli Esteri tedesco ha chiesto i permessi di rimpatrio al governo iracheno per i figli di cittadini tedeschi detenuti che sono membri dello “Stato islamico”. Riportano notizia il Süddeutsche Zeitung e Deutsche Welle. Almeno sei bambini sono attualmente con le loro madri nei centri di detenzione in Iraq, secondo le informazioni raccolte dal quotidiano tedesco e poi riprese dalle emittenti pubbliche Ndr e Wdr.

Il ministero degli Esteri ha giustificato la decisione di portare i bambini a casa con considerazioni umanitarie e il dovere della Germania di proteggere i suoi cittadini. Ha anche sostenuto che i bambini sarebbero stati meglio accuditi dai loro parenti in Germania che nei centri di detenzione. I diplomatici tedeschi hanno potuto visitare le madri e i bambini detenuti, e le donne hanno chiesto loro di far tornare i loro figli a casa.

Finora le autorità irachene non hanno ancora deciso di lasciare che i bambini tornassero in Germania. La maggior parte dei minori è costituita da bambini piccoli o neonati; quattro di loro si trovano a Erbil, dove una delle donne tedesche detenute è incinta.

Le donne sono state arrestate dopo che le forze di sicurezza hanno ripreso i territori del Califfato. I bambini erano stati portati in Siria dalle loro madri dopo aver giurato fedeltà a Daesh o sono nati nel Califfato.

I bambini nati in zone della Siria già parti del Califfato dello Stato Islamico sono in possesso solo del certificato di nascita rilasciato dallo Stato Islamico, ma poiché le loro madri sono tedesche, hanno diritto alla cittadinanza tedesca.

I due terzi delle 940 persone stimate provenienti dalla Germania che si sono recate in Siria o in Iraq per combattere con ISIS, due terzi sarebbero in possesso della cittadinanza tedesca. 

Il Ministero ha anche reso note le possibili preoccupazioni per la sicurezza nel caso in cui i bambini fossero rimpatriati.

Gli apparati di sicurezza tedeschi non sarebbero preoccupati per i bambini o i bambini molto piccoli in quanto sono sì traumatizzati, ma non radicalizzati, ma nutrono preoccupazioni per quanto riguarda i bambini più grandi.

Hans-Georg Maassen, il capo dell’Agenzia di intelligence tedesca, BfV, ha detto che i bambini dei combattenti Isis che ritornano rappresentano un possibile pericolo per la società tedesca in quanto sono stati «socializzati e di conseguenza indottrinati» attraverso ideologie radicali islamiche: «Questo potrebbe creare una nuova generazione di jihadisti», ha detto Maassen, ripreso da Süddeutsche Zeitung.

Maddalena Ingrao