GERMANIA. BASF investe in Iran

103

La tedesca Basf, il più grande produttore di prodotti chimici del paese, ha detto di essere in trattative con l’Iran per dei possibili investimenti nel settore petrolifero iraniano.

Kurt Bock, amministratore delegato di Basf, ha detto, riporta l’iraniana Press Tv, che la sua azienda stava esaminando le opportunità di business nella repubblica islamica dopo essere stata “corteggiata” da funzionari del settore petrolifero iraniano.

«Stiamo cercando di valutare se sia possibile, per il nostro business del petrolio e del gas, ottenere un punto d’appoggio in Iran. Siamo stati invitati da parte delle autorità nazionali e il processo di valutazione è in corso», ha detto Bock ripreso da Reuters.

Wintershall, una consociata interamente controllata da Basf e il più grande produttore in Germania di petrolio greggio e gas naturale, aveva annunciato lo scorso anno che aveva firmato un memorandum d’intesa con la National Iranian Oil Company, Nioc, per studiare quattro campi petroliferi onshore nell’Iran occidentale.

Il 20 febbraio, il direttore della Nioc Ali Kardor aveva riconosciuto che erano in corso delle discussioni con Wintershall per oltre quattro progetti iraniani, sottolineando che un accordo con la società avrebbe potuto essere raggiunto nel prossimo futuro.

C’erano state anche segnalazioni che la Basf stava valutando un investimento di 12 miliardi di dollari nel settore petrolchimico iraniano.

Bock, tuttavia, aveva detto nella sede centrale a Ludwigshafen che il gruppo chimico gigante non aveva in programma di estendere i propri piani di investimento negli impianti di trasformazione petrolchimica in Iran.

I funzionari hanno anche sottolineato che una decisione definitiva da Basf per procedere con un piano di investimenti in Iran dipenderà dallo stato finale delle sanzioni economiche contro la Repubblica islamica.

«Si può vedere che la revoca delle sanzioni è in corso di attuazione alla velocità che è stata inizialmente prevista», ha detto Bock, dopo la pubblicazione dei guadagni 2016 di Basf.

Anna Lotti