GEORGIA. Un ex diplomatica francese è il nuovo presidente

114

Il nuovo Presidente eletto della Georgia ha descritto la Russia come una potenza occupante imprevedibile, puntando decisamente verso una linea dura con Mosca, mentre affronta le proteste in patria degli oppositori che l’hanno accusata di essere tenera con la Russia durante la campagna elettorale. 

Salome Zurabishvili, che ha l’appoggio del partito Georgian Dream, riporta Reuters, ha vinto con il 59,5% dei voti nel ballottaggio tenuto la scorsa settimana. Il suo rivale dell’opposizione Grigol Vashadze ha detto che non riconosce la sua vittoria. Zurabishvili ha detto che non ci potrebbe essere alcun senso in qualsiasi negoziato con la Russia fino a quando non riconosce che Mosca sta occupando due regioni georgiane.

La Russia è una «potenza occupante», e la preoccupazione maggiore era «che è imprevedibile», ha detto Zurabishvili. «Quando hai un nemico conosciuto e prevedibile, sai quali saranno i tuoi prossimi passi. In questo caso, ad essere molto franca, non so quali dovrebbero essere i prossimi passi della Georgia nelle relazioni con la Russia. È così imprevedibile e così eccessivamente presente sul nostro territorio (…) Rendere la Georgia più presente è anche un modo per rendere la Russia meno influente nelle nostre relazioni con i partner europei (…) Sono convinta che possiamo chiedere molto di più ai nostri partner europei (…) e intendo essere un partner più esigente sia per gli europei che per i nostri partner della Nato  (…) Questo è esattamente ciò che la Russia avrebbe voluto, avere un paese molto diviso e molto indebolito e un presidente screditato la cui legittimità è sotto attacco».

Zurabishvili, nata in Francia da una famiglia di emigrati georgiani, è stata diplomatico di carriera francese prima di diventare ministro degli esteri della Georgia dal 2004-2005, e ora sarà la prima donna capo di Stato del suo Paese. In base alla nuova costituzione, la presidenza è ora in gran parte cerimoniale e il primo Ministro e il governo esercitano la maggior parte del potere esecutivo. La carica è ancora considerata importante poiché è il volto internazionale del paese, che mira a garantirsi le migliori relazioni con l’Occidente per contrastare l’influenza di Mosca.

La Russia ha vinto una breve guerra contro la Georgia nel 2008, dopo di che Mosca ha riconosciuto l’indipendenza di due regioni separatiste georgiane, l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia e Mosca ora ha delle guarnigioni truppe nelle due regioni. Il ruolo di Mosca domina la politica interna della Georgia, con i partiti rivali che si accusano l’un l’altro di non essere sufficientemente fermi nell’affrontarla. Nel periodo che precede il voto, Zurabishvili è stato criticato dagli oppositori per i commenti che sembravano incolpare la Georgia per aver causato la guerra del 2008.

Anna Lotti