La Georgia da Ginevra guarda alla Russia

71

GEORGIA – Tblisi. 19/12/13. I negoziati per la sicurezza nel Caucaso meridionale hanno chiuso i battenti il 18 dicembre a Ginevra. La Georgia ha rifiutato di discutere le misure al confine di Stato con l’Ossezia del Sud e si è rifiutata di firmare una dichiarazione congiunta sull’uso della forza nella regione.

Sono andati meglio invece i colloqui con il distretto di Gali di Abkhazia. Nel corso della riunione di novembre, in consultazione sulla sicurezza nel Caucaso meridionale, la parte georgiana ha avanzato proposte specifiche nel campo della cooperazione umanitaria, ha detto il Vice Ministro per la Reintegrazione Ketevan Tsikhelashvili al
rappresentante “Caucasian Knot” della Georgia ai colloqui di Ginevra. Secondo il vicepresidente: «Abbiamo parlato della necessità di fornire l’opportunità per i residenti di Abkhazia ammissione senza ostacoli in Georgia, in modo che possano ricevere cure mediche adeguate, così abbiamo potuto visitare i loro parenti, i bambini del distretto di Gali potrebbe ottenere una formazione in lingua georgiana», – ha spiegato Tsikhelashvili. In aggiunta, secondo Ketevan Tsikhelashvili a Ginevra siamo pronti a discutere la questione sul ritorno dei profughi. «Ai colloqui nel mese di novembre, abbiamo raggiunto un consenso con i rappresentanti delle autorità de facto dell’Abkhazia accordo che prevede il profughi in Abkhazia. I Rappresentanti dell’Abkhazia hanno convenuto che i profughi devono tornare. In cambio abbiamo chiesto di ripristinare sicurezza e dignità per le persone»- ha detto Tsikhelashvili.
Un altro aspetto problematico è il tema della certificazione della popolazione di etnia georgiana del distretto di Gali dell’Abkhazia. La Georgia non riconosce i passaporti dell’Abkhazia, ma ritiene necessario promuovere i diritti dei residenti del distretto di Gali.
«Perché senza i passaporti la popolazione dell’Abkhazia del distretto di Gali ha limitate opportunità di ricevere un’adeguata assistenza sanitaria, l’istruzione, e non possono difendere le loro proprietà» – ha detto il rappresentante della Georgia. La Georgia durante i colloqui ha riaperto le porte alla Russia per riprender i colloqui. Il Partito russo ai colloqui di Ginevra, ha dichiarato l’intenzione di discutere la possibilità di una piena ripresa delle relazioni diplomatiche tra la Georgia e la Russia.
«Vorremmo continuare ad avere il contatto tra le persone. Non siamo ancora pronti per andare al regime senza visti, ma abbiamo liberalizzato in modo significativo la procedura di rilascio dei visti, in particolare i visti sono necessari per i viaggi umanitari, visitare parenti di scambi culturali, per lo scambio di giovani», – ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, fonte Georgia-Online».
Il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione oggi che la Federazione russa ha firmato una dichiarazione congiunta dei colloqui di Ginevra sull’uso della forza nella regione, accordo bloccato perché la Georgia non è pronta a sostenerlo.
I Co-presidenti si sono impegnati a preparare una proposta di compromesso sulla questione alla prossima riunione dei colloqui di Ginevra, che si terrà a marzo 2014, si legge nel sito del MAE russo.