Tblisi produrrà gas

12

GEORGIA – Tbilisi 13/02/2016. La Georgia diventerà un esportatore di gas nei prossimi cinque anni, ha detto Steve Nicandros, presidente e amministratore delegato della International Oil e Gas Company Frontera Resources, che si occupa di esplorazione e produzione di idrocarburi nella regione del Mar Nero.

Nicandros ha detto che Frontera Resources ha trovato importanti riserve di gas nelle sue prospezioni in Georgia orientale e che, secondo le stime dell’azienda, ammontano a quasi cinque miliardi di metri cubi. «Si tratta di un punto di svolta per (…) la diversificazione; crea fiducia nella costruzione di infrastrutture attraverso la regione, per rifornire non solo i mercati turchi, ma i mercati dell’Est Europa (…) Il bacino del Kura è una zona geologica conosciuta per gli idrocarburi (…) Stiamo assistendo ad una rinascita degli investimenti nella valle inferiore del Kura, in Azerbaigian, e nella valle superiore del Kura nella Georgia orientale», ha aggiunto. Oggi la Georgia è un importatore di gas, fornito principalmente da Azerbaijan e circa il 10 per cento del gas è fornito dalla Russia come pagamento per il transito del gas verso l’Armenia. Nell’autunno del 2015, Frontera Resources Company ha affermato che il volume delle risorse di gas georgiano poteva essere di 3,8 miliardi di metri cubi, ma nel mese di febbraio 2016 ha alzato le sue previsioni ad un massimo di cinque miliardi di metri cubi.