Butano saudita per il Cairo

44

EGITTO – Il Cairo 09/11/2013. L’Arabia Saudita invierà in Egitto due spedizioni di gas butano, per un valore complessivo di 75 milioni di dollari, «gratis», si legge in una comunicazione della società statale Egyptian General Petroleum Company (Egpc ) l’8 novembre.

La prima delle spedizioni di 700mila tonnellate è prevista che arrivi nel porto di Suez il 12 novembre, che sarà seguita da una seconda a fine novembre riporta l’agenzia Anadolu. Le spedizioni serviranno per alleviare l’attuale carenza nazionale di gas butano; milioni di famiglie egiziane, infatti, si affidano al gas butano per la maggior parte delle loro esigenze casalinghe. Dopo la cacciata di Morsi, l’Arabia Saudita ha promesso 5 miliardi di dollari di aiuti all’Egitto per puntellare la sua vacillante economia. Questi aiuti includono anche i 2.000 milioni di dollari depositati presso la Banca centrale d’Egitto, i 2 miliardi di dollari in forniture di petrolio e un prestito di 1 miliardo di dollari. Il vertice di Egpc, Tarek al- Mula ha detto, che le due spedizioni di butano di ottobre hanno portato l’aiuto saudita nel seriore energetico a 1,6 miliardi di dollari. Questo tipo di aiuto fa parte di un pacchetto di 12 miliardi di dollari di aiuti all’Egitto promessi dal Regno saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait. Ogni anno, l’Egitto importa 2 milioni di tonnellate di gas butano da Riad; ogni mese, l’Egitto, il paese più popoloso del mondo arabo, importa circa 1,3 miliardi di dollari in prodotti petroliferi da vari produttori che il governo vende sul mercato locale a prezzi sovvenzionati.