Fratelli Musulmani dal Qatar alla Turchia

101

QATAR – Doha. 13/09/14. I leader della fratellanza musulmana dell’Egitto in esilio in Qatar lascerà  l’emirato del Golfo, ha fatto sapere un funzionario della Fratellanza, mentre Doha è sotto forte pressione proprio per la presenza sul suo territorio di membri della Fratellanza, e ancora perché sostiene questa organizzazione dichiarata “terrorista” da Il Cairo. 

 

La Fratellanza è vietato in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, due paesi confinanti del Qatar, mentre in Egitto si trova ad affrontare la repressione di questa organizzazione da quando l’esercito ha deposto nel luglio 2013 l’ex presidente islamista Mohamed Morsi, copi della Fratellanza Musulmana in Egitto. Diversi membri della Fratellanza Musulmana lasceranno Qatar «per evitare eventuali disagi» al il paese, ha detto Amr Darrag, uno dei leader della Fratellanza, sulla sua pagina Facebook. Due funzionari dei Fratelli contattati da AFP in Qatar hanno confermato l’informazione. 

«Alcune delle figure del Partito per la Libertà e Giustizia (braccio politico della Fratellanza) e della Fratellanza Musulmana sono stati invitati a trasferire i loro uffici al di fuori del Qatar e questi hanno accettato», ha detto il signor Darrag . 

Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno richiamato i loro ambasciatori in Qatar proprio a causa del sostegno di Doha ai Fratelli Musulmani. I Paesi del Golfo considerano l’ideologia della Fratellanza come una minaccia alla loro stabilità, mentre il Qatar è regolarmente accusato di sostenere la Fratellanza e altri movimenti islamisti, in particolare in Libia, per aumentare la propria influenza nella regione. Alcuni leader della Fratellanza andranno in Turchia, Istanbul potrebbe eventualmente ospitare la sede della vecchia confraternita. 

Molti leader hanno sono residenti nel Regno Unito, che ha avviato un’inchiesta sui presunti legami tra i Fratelli e i movimenti jihadisti. In Egitto, dopo la rimozione di Morsi dall’ex capo dell’esercito e attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi, il gruppo è stato dichiarato “organizzazione terroristica”, nel mese di dicembre. 

Quasi tutti i leader della Fratellanza in carcere in Egitto potrebbero essere condannati a morte in diversi casi, e centinaia di pro-Morsi sono stati condannati a morte. Più di 1.400 persone sono state uccise nelle violenze a margine delle proteste. Il canale di notizie di Al-Jazeera del Qatar è anche nel mirino delle autorità egiziane: Giornalisti anglofoni della rete patarina sono stati condannati a pene detentive che vanno da sette a 10 anni di carcere dopo essere stati accusati di sostenere i Fratelli Musulmani.