Hollande e l’Hajj

44

FRANCIA – Parigi 24/04/2014. Il presidente francese Francois Hollande ha aperto la prima mostra sull’Hajj presso l’Institut du Monde Arabe a Parigi il 22 aprile.

Nel suo intervento il presidente francese ha elogiato gli sforzi dell’Arabia Saudita per promuovere la tolleranza e la convivenza pacifica e prevenire la violenza e il terrorismo. Hollande ha descritto l’Hajj come un importante evento annuale cui partecipano quasi tre milioni di pellegrini da tutto il mondo. La mostra è composta da 230 manufatti rari, foto e scritti autografi che illustrano la storia dell’Hajj. «Organizzare l’Hajj è una grande responsabilità», ha detto il presidente, elogiando gli sforzi compiuti dal governo saudita per assicurare il benessere e la sicurezza dei pellegrini, «La mostra mette in luce gli aspetti religiosi, culturali e umanitari dell’Hajj» ha detto il presidente. Ha poi detto che la mostra riflette le forti relazioni tra la Francia e il mondo arabo: «Trasmette messaggi di comprensione verso l’altro, di tolleranza, rifuggendo la violenza e l’estremismo». Hollande ha anche elogiato gli sforzi dell’Arabia Saudita nell’affrontare il terrorismo e il suo recente decreto che impedisce ai cittadini sauditi di unirsi alla guerra civile siriana e altre guerre in terra straniera. «Compiremo un passo simile nel giro di pochi giorni per dissuadere , prevenire e punire coloro che sono tentati di combattere dove non hanno ragione di essere», ha detto il presidente riferendosi ai francesi che combattono in Siria. La mostra sarà aperta per tre mesi.