Francia, Camp Bucca e ISIS

8

SIRIA – Aleppo. 11/08/15. Un altro francese ieri ha perso la vita negli scontri contro l’esercito di Assad nella provincia di Aleppo, in Siria.

Omar Diabi, membro di alto rango di Stato islamico (IS), si era unito al movimento jihadista nel 2013. Fonte Bas News. Si tratterebbe del 104esimo uomo di nazionalità francese ucciso come jihadista tra Siria e Iraq. Le stime dei combattenti provenienti dalla Francia variano tra 1.100 e 1.700 e secondo il governo francese e circa 120 uomini sono tornati in Francia e ora sono sotto processo con l’accusa di terrorismo. 76 sono in carcere. Francia, Regno Unito, Paesi Bassi, Belgio e Danimarca hanno il primato di paesi con il maggior numero di cittadini in partenza per la Siria e l’Iraq. L’imposizione di restrizioni di viaggio ha rallentato, ma non del tutto fermato il flusso di jihadisti stranieri nel conflitto. Sebbene Diabi era considerato un membro anziano del gruppo, la notizia arriva in un momento in cui la struttura organizzativa di IS si rivela essere organico ai massimi livelli da ex membri dei servizi di intelligence e di sicurezza di Saddam Hussein. AP riporta che molti di coloro che compongono la leadership di IS sono stati prigionieri nel famigerato campo di prigionia gestito dagli USA: Camp Bucca, dove era stato imprigionato anche al-Baghdadi.