Firtash: sono l’epicentro dello scontro Russia -USA

44

AUSTRIA – Vienna. 06/04/14. L’oligarca ucraino Firtash in una conferenza stampa ha detto: «Sono stato l’epicentro dello scontro tra Russia e Stati Uniti». Fonte ITAR-TASS. L’Oligarca potrebbe affrontare fino a 20 anni di carcere e la confisca dei beni. Il 12 marzo è stato arrestato in Austria su mandato dell’ABI per corruzione e cospirazione ed entro maggio è attesa la decisione del giudice sull’estradizione chiesta dagli Stati Uniti.

L’Uomo d’affari ucraino Dmitry Firtash è accusato di creazione di un sistema di corruzione internazionale, ma lui ha dichiarato che si trova al centro del confronto geopolitico tra la Russia e gli Stati Uniti. Secondo Firtash, cadranno le accuse contro di lui mosse dal dipartimento per la Giustizia US che sono “assurde e infondate”.Tutto questo, compresa la richiesta di estradizione degli Stati Uniti è ovviamente politicamente motivata, io rispetto il sistema giudiziario austriaco e mi difenderò con tutti i mezzi legali e dimostrare la mia innocenza» ha detto Firtash dal sul suo sito ufficiale. «L’Ucraina è diventata un campo di confronto più importanti centri di potere geopolitico del mondo moderno: Stati Uniti e Russia mi sono trovato in mezzo a questo conflitto» ha detto Firtash. L’Uomo d’affari ha fatto appello a tutti i dipendenti delle loro imprese, così come ai loro partner e amici, assicurando loro che mentre lui è in Austria, l’intera leadership del Gruppo DF controllarà completamente la situazione. «Siamo responsabili di centinaia di migliaia di posti di lavoro nelle nostre fabbriche in Ucraina il Gruppo è ben coordinato gestione professionale» ha detto. «Come cittadino ucraino, sto aspettando con grande speranza l’elezione presidenziale. Spero che i miei connazionali voteranno, e insieme potremo costruire una nazione stabile e prospera. Non lascerò che la mia reputazione sia segnata da nemici che sono guidate da motivi politici, non non hanno nulla a che fare con gli interessi dell’Ucraina e dei suoi cittadini», ha concluso il miliardario ucraino.
Secondo il dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti che il 2 aprile ha formalizzato le accuse a Firtash di corruzione nei confronti dei funzionari indiani per ottenere l’accesso ai giacimenti minerari. Secondo l’agenzia, dal 2006 ha pagato tangenti a funzionari indiani ha ricevuto circa 18,5 milioni dollari in cambio del permesso di sviluppare l’estrazione miniera in Andhra Pradesh. Nel gruppo di corruzione anche incluso indiano MP Ramachandra Rao, un uomo d’affari ungherese Andras Knopp, un cittadino ucraino Suren Gevorgyan e due mercanti uno indiano e uno dello Sri Lanka.