Wikipedia influenza il mercato azionario

67

Gran Bretagna – Londra. 8/5/13. Secondo i ricercatori del Warwick Business School si può prevedere il futuro del mercato azionario attraverso le pagine di Wikipedia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature.

I ricercatori hanno riscontrato che a seconda di quanto una azienda cambia la propria pagina su Wikipedia e quante visite l’azienda riceve sulla propria pagina possono essere indice di un possibile crollo finanziario. In un articolo su Forex.it, a cura di Federica Agostini si legge che le pagine di Wikipedia, modificabili da chiunque, sono parte integrante del processo di raccolta informazioni per le transazioni finanziarie e, dunque, conoscenza potenzialmente unica per le persone interessate a prendere parte in questo sistema. Suzy Moat, che ha condotto le ricerche, ha spiegato: «Eravamo particolarmente interessati all’idea dell’uso delle informazioni dalle risorse del web come Wikipedia, quali fonti per la raccolta delle informazioni da parte dei trader e intendevamo comprendere il modo in cui queste venissero utilizzate per prendere decisioni». 

Secondo Moat esiste dunque una correlazione tra l’uso delle informazioni di Wikipedia e Google e l’andamento dei mercati azionari: le informazioni del web possono essere utilizzate per anticipare decisioni che verranno prese nel mondo reale. La cosa più interessante, è non si tratterebbe di una teoria ma di una strategia. E quindi in quanto tale può essere creata a tavolino. Una strategia di trading, si legge sempre su Nature, basata su queste scoperte e dunque sull’andamento delle visite alle pagine Wikipedia avrebbe portato ad un profitto del 141%, dimostra lo studio. E ancora cita l’articolo: «Una strategia basata sulle visualizzazioni delle 285 pagine relative ad argomenti finanziari più generali, avrebbe portato ad un profitto del 297% secondo i ricercatori. Mentre una strategia “buy-and-hold” nello stesso periodo avrebbe prodotto un guadagno del solo 3%».