Pechino: troppa moneta in circolo

33

CINA – Pechino. Contrastanti i dati economico-finanziari che vengono dalla Cina. Una bassa inflazione e una liquidità elevata non hanno surriscaldato l’economia locale come ci si aspettava. Le preoccupazioni sono aumentate dopo che la Cina ha divulgato la notizia secondo cui il Paese della Grande Muraglia ha stampato più soldi di qualsiasi altro Paese.

 

Secondo un funzionario della Banca Centrale Cinese, che ha rilasciato una dichiarazione al China Daily in via riservata, i rischi di approvvigionamento possono essere efficacemente contenuti. «Il barometro per capire se la banca centrale ha immesso o no troppa liquidità è data dall’andamento dell’inflazione che in questo momento però va bene». 

La Banca Popolare della Cina, banca centrale, ha pubblicato un documento trimestrale sulla politica monetaria sottolineando la capacità di monitorare e combattere l’inflazione. L’offerta di moneta continuerà a crescere, ma non genererà più di una bolla speculativa come è successo nel 2007, ha detto E Yongjian, analista senior presso la Banca delle Comunicazioni.

L’indice dei prezzi al consumo, indicatore principale dell’andamento dell’inflazione, è cresciuto 2,5 per cento anno su anno nel mese di dicembre 2012. La banca centrale ha detto che M2, tiene conto nella sua gamma di offerta di tutti i depositi e della liquidità in circolazione e ha superato 97.400 miliardi di yuan (15.500 miliardi dollari) entro la fine del 2012.

Questo dato è stato il più alto del mondo e rappresenta circa un quarto della massa monetaria globale di 366 miliardi di yuan, alla fine del 2012, secondo i dati raccolti da Business Herald del 21° secolo.

La massa monetaria in Cina, 1,5 volte superiore a quella degli Stati Uniti, è salito da 50 miliardi di yuan nel corso degli ultimi quattro anni. Secondo un rapporto di Standard Chartered dello scorso anno, lo yuan immesso è il 48 per cento della liquidità aggiunta in tutto il mondo dal 2009 al 2011. Nel 2011 la sola moneta cinese era il  52 per cento della moneta immessa sul mercato. 

Mentre nel 2012 la M2 in circolazione è calata fino al 47% pari a 12.300 miliardi di yuan, fonte Banca Centrale. 

Li Daokui, professore di economia alla Tsinghua University, ha detto che una tale mole di denaro in qualsiasi altro paese porterebbe a bolle speculative, di inflazione e di un esodo di capitale. Louis Kuijs, capo economista della Cina presso la Royal Bank of Scotland e un ex economista della Banca Mondiale, ha detto che ci sono state conseguenze: «Con l’uso della leva finanziaria è salita notevolmente negli ultimi anni, le preoccupazioni per i rischi finanziari sono aumentati, in particolare nel settore non bancario finanziario e in materia di indebitamento delle piattaforme di investimento dei governi locali, e sulla leva finanziaria aziendale».