Bolivia, obbligazioni a rischio

70

BOLIVIA – La Paz. La prima vendita obbligazionaria internazionale si sta trasformando per gli investitori a reddito fisso un boomerang. A quanto pare gli stessi investitori rischiano di perdere tutto. Le obbligazioni della Bolivia sono molto vicine ad essere carta straccia. Tra i paesi con rating BB -rating di Standard & Poors -, i rendimenti della Bolivia sono caduti 0,11 punti percentuali, a fronte di un calo di 1,12 punti percentuali sul prestito obbligazionario della Serbia e di 0,5 punti percentuali per il calo del debito ucraino.

 

Due mesi dopo aver convinto gli investitori a prestare alla nazione più povera del Sud America un mezzo miliardo di dollari per 10 anni al tasso del 4,875 per cento, il presidente boliviano Evo Morales ha compiuto una delle sue operazioni di acquisizioni. Non solo, il rischio di nazionalizzazione descritto nei prospetti informativi e fornito agli investitori all’atto di sottoscrizione dell’acquisto: «è sorprendente che un paese con il rischio politico, come la Bolivia ha, che è la debolezza grande per il nostro rating, possibile inserire le obbligazioni sui mercati internazionali di sotto del 5 per cento» ha detto Cesar Arias, analista di Fitch Ratings, da New York .