Proteste filippine contro la Cina

38

FILIPPINE – Manila 04/01/2016. Le Filippine hanno protestato per i test cinesi su una pista situata in una delle sette isole contese nel Mar Cinese Meridionale.

Il ministero degli Affari Esteri ha detto che presenterà una protesta formale per un test di volo sulla pista recentemente completata, riporta la Philippine News Agency. La Cina ha difeso la sua azione, sostenendo che il test di volo è stato effettuato per garantire che la barriera corallina trasformata in un’isola artificiale con una pista d’atterraggio, rispetti le norme di sicurezza dell’aviazione. La Cina sostiene che quasi tutto il Mar Cinese Meridionale gli appartenga e ha costruito isole artificiali su sette scogliere, tra cui Fiery Cross, una mossa che ha scatenato tensioni e innescato preoccupazioni in diverse nazioni, come Filippine, Vietnam, gli Stati Uniti e il Giappone. La protesta di Manila segue una simile azione intrapresa da parte del Vietnam la settimana scorsa, seconda cui il test ha violato la sovranità di Hanoi, e ha chiesto che la Cina fermi altre simili azioni. Le Filippine indicano il Mar Cinese Meridionale come il Mare Occidentale della Filippine, sottolineando che parti dell’area ricadono sotto la sua zona economica esclusiva, come consentito dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Anche Malesia, Brunei e Taiwan hanno fatto richieste similari. Tutti, ad eccezione di Brunei, hanno truppe nei territori rivendicati, dicendo che sono ricchi di petrolio e gas.