FILIPPINE. Persa la Siria ISIS si potrebbe trasferire a Mindanao

121

Scenario kafkiano nelle Filippine: ISIS occupa una parte del territorio dello stato, uccide i cittadini e l’opposizione politica porta in tribunale la legge marziale e la presenza delle forze armate che combattono il Califfato. Il presidente filippino Rodrigo Duterte è pronto a portar via le truppe dalla città di Marawi se così fosse ordinato dalla Corte suprema, ma ha avvertito che se dovesse nuovamente dichiarare la legge marziale, lo avrebbe fatto e potrebbe essere una “copia” di quella dell’ex presidente Ferdinand Marcos.

«Se non gli piace, se la Corte suprema dice che non esiste una base di fatto, allora sono pronto a ordinare ai militari di ritirarsi (…) li lasceremo se possiamo. Se la Corte Suprema dice che è sbagliato, li ritirerò (…) Se qualcosa va storto e dichiaro la legge marziale per la seconda volta, la gente soffrirà, ci saranno bombardamenti, e io non voglio più ascoltare nessuno», ha detto Duterte ripreso dal Philstar. Il presidente filippino ha dichiarato la legge marziale in tutta l’isola di Mindanao lo scorso 23 maggio dopo che il gruppo Maute-Isis ha preso parte della città di Marawi, bruciando diversi edifici, e imprigionando più di una dozzina di civili.

I membri dell’opposizione e dei gruppi della società civile hanno messo in discussione la mossa di Duterte e hanno chiesto alla Corte Suprema di costringere il Congresso a convocare una sessione congiunta per rivedere la base giuridica della decisone del presidente.

Duterte ha detto che non ha alcun problema se la corte si opponesse alla sua dichiarazione di legge marziale, dicendo che può sopravvivere lo stesso.

Ha sostenuto che terroristi e ribelli a Marawi sono da considerare ribelli, una delle condizioni che possono giustificare la dichiarazione della legge marziale.

«Se questa ribellione brucia Mindanao, sarò costretto a dichiarare nuovamente la legge marziale. Questa volta, lo farò da solo per preservare la nazione. Non consulterò nessuno. Non occorrerà dire quando finirà (…)  potrebbe essere una copia di quella di Marcos. Sono rimasto senza scelta», ha aggiunto. Il presidente filippino Ferdinand Marcos dichiarò la legge marziale nel 1972 per frenare la minaccia dei ribelli comunisti. Questa controversa dichiarazione apri la strada ad abusi dei diritti umani, a sparizioni forzate e alla persecuzione dell’opposizione politica.

Duterte ha anche risposto a chi ha posto in dubbio la ribellione a Mindanao: «Cosa pensate? Che cosa volete? Che occupino la metà di Mindanao prima che possiamo definirla una vera ribellione», ha detto.

Duterte ha poi detto che: «La legge marziale sarà tolta solo alla fine dei combattimenti».

Tommaso dal Passo