Milfs- Filippine, pace a rischio

119

FILIPPINE – Mindanao. 24/02/15. Il Capo MILF Murad Ebrahim, secondo Iqbal, è in pellegrinaggio in Arabia Saudita. «Non so quando tornerà. Non possiamo contattarlo. Difficile comunicare con lui», ha detto Iqbal. Lo stesso ha detto che il risultato delle indagini MILF saranno d uso interno.

«Forniremo la nostra controparte (governo), con un rapporto », ha detto Iqbal. Il 25 gennaio, i membri della Polizia Nazionale filippina Special Action Force nel villaggio Tukanalipao in Mamasapano, provincia di Maguindanao, durante un’«mandato di cattura» contro Zulkifli bin Hir, alias “Marwan”, e un esperto di bombe filippino, Basit Usman. Zulkifli, etichettato come terrorista dietro l’attentato di Bali 2002 in Indonesia che ha lasciato più di 200 morti, è stato ucciso nell’operazione Mamasapano. Usman, però, è riuscito a fuggire. Dopo aver ucciso Marwan, i commando della polizia si sono scontrati con le forze del Milf e l’ala secessionista, i Fighters Bangsamoro Islamic Freedom (BIFF). La carneficina Mamasapano ha minacciato i colloqui di pace tra il governo e il Milf, alcuni chiedono il rifiuto al Congresso della proposta di Bangsamoro. La proposta di BBL è il prodotto di 17 anni di negoziati di pace. Una volta approvata dal Congresso e ratificata in un plebiscito, il sottostato Bangsamoro sostituirà l’attuale Regione Autonoma del Mindanao Musulmano (ARMM). «Penso che abbiamo bisogno di spingere in avanti la BBL. Io credo che ci sia ancora speranza per noi per la BBL. Cerchiamo di non concentrarsi sullo scontro Mamasapano. Abbiamo bisogno avere un quadro più ampio», ha sottolineato Iqbal.