FILIPPINE. MILF media con gli insorti a Marawi

105

La leadership del Moro Islamic Liberation Front, Milf, si  è detta disponibile a mediare una soluzione alla crisi di Marawi, giunta alla sua sesta settimana. Mohagher Iqbal, riporta il Sunstar, presidente del gruppo di lavoro per l’attuazione della Pace, ha affermato che non esiste ancora una richiesta formale, anche se ci sono state richieste indirette filtrate dai media. «Non è impossibile, soprattutto se l’interesse della popolazione civile è in gioco.

Se ci fosse una richiesta, la leadership Milf probabilmente prenderà in considerazione l’idea. Occorre essere molto cauti, però. Ogni iniziativa dovrà essere concordata con  il governo e direttamente con il presidente», ha detto Iqbal al sito Rappler. Il Milf ha condannato in precedenza l’occupazione di Marawi fatta dal gruppo Maute. Abdullah Maute, uno dei fratelli Maute che guidano i militanti islamici a Marawi, ha detto agli emissari durante un cessate il fuoco di otto ore il 25 giugno scorso, che il suo gruppo lascerà la città solo se il Milf fosse intervenuto; Maute ha riferito agli emissari che erano disposti a scambiare i loro ostaggi, in particolare il sacerdote cattolico Teresito Suganob, con i loro genitori, Cayamora e Ominta, arrestati recentemente e detenuti separatamente. 

I militanti dicono di non essere disposti a discutere con il governo i termini del disimpegno. Iqbal ha riconosciuto la “sensibilità del problema” che potrebbe dare al Milf alcune difficoltà: il MILF è attualmente coinvolto nel mantenere, in collaborazione con il governo, un corridoio umanitario e di pace che consenta  ai civili intrappolati a Marawi di lasciare in sicurezza la città. Finora, quasi 200 persone sono state salvate in questo corridoio.

l governo e il MILF, che hanno creato un patto di pace nel 2014, hanno una lunga storia di cooperazione anche mentre i negoziati per un accordo politico per porre fine alla ribellione del Moro sono stati tenuti. Tra questi sforzi cooperativi sta trainando nel 2005 numerosi sospetti terroristi che si nascondono in varie fortificazioni ribelle di Central Mindanao usando il meccanismo ad hoc gruppo di azioni comuni (AHJAG). Lo stesso meccanismo è stato usato per salvare vittime rapite di rapimento come il sacerdote missionario irlandese Michael Sinnot, che è stato rapito dalla Società Missionaria della casa di Saint Columban a Pagadian City nel 2009. In Malacañang, il portavoce presidenziale Ernesto Abella ha sostenuto che il governo non negozierebbe con Il gruppo Maute e le loro richieste non sarebbero state riconosciute. Abella ha detto che i colloqui tra inviati speciali e fratelli Maute, Abdullah e Omar, durante il cessate il fuoco di otto ore a Marawi City il 25 giugno non è stato festeggiato dal governo.

Maddalena Ingrao