FILIPPINE. MILF e MORO come il FSA

166

Il nemico di ieri può diventare l’alleato di domani. Rodrigo Duterte ha incontrato il leader del Moro Islamic Liberation Front, Milf, Al Haj Murad Ebrahim a Davao City per cercare una possibile cooperazione dei combattenti Moro tesa a porre fine agli scontri in corso a Marawi (nella foto).

In una dichiarazione congiunta, Murad ha accolto con favore la richiesta del presidente filippino fatta ai combattenti Milf di aiutare il governo a estendere l’assistenza umanitaria necessaria a Marawi, dove ci sono ancora combattimenti, riporta il quotidiano Sunstar.

«La cooperazione verrebbe stabilita tra il governo delle Filippine e il Milf  (…) I meccanismi di pace come i Comitati di coordinamento sulla cessazione delle ostilità tra il governo e i Milf sarebbero utilizzati per pianificare e attuare i modi per estendere immediatamente e in modo sicuro l’assistenza umanitaria», ha aggiunto.

L’incontro si è svolto due giorni dopo che Duterte ha cercato l’aiuto dei leader del Moro incoraggiandoli ad unirsi alle forze governative nel combattere il gruppo Maute affiliato allo Stato Islamico, che semina il terrore a Marawi. Ad ora si sa che sono stati uccise 104 persone, tra cui 19 civili, 65 terroristi, 17 soldati e tre poliziotti.

Duterte, durante la sua visita al campo militare a Jolo, Sulu, durante il fine settimana, aveva dichiarato che il Milf e il Moro National Liberation Front, Mnlf, erano i benvenuti per unirsi alle truppe governative nelle sue offensive militari contro i rimanenti membri di Maute. «Sto annunciando a tutti gli eserciti di Milf, Mnlf, se le operazioni militari richiedessero molto tempo e se desiderassero unirsi a noi, io gli offro di unirsi a noi, di diventare miei soldati, con la stessa retribuzione, e gli stessi privilegi.

E costruirò case per voi in alcune aree», ha detto il presidente. Durante il suo incontro con Murad, Duterte ha ripetutamente ribadito il suo impegno a proseguire negoziati pacifici con i combattenti Moro e ha assicurato che la legge marziale a Mindanao è intesa a «distruggere la ribellione del gruppo Maute e di Isis». Nella dichiarazione congiunta si dichiara che il presidente ha invitato il Comitato di transizione Bangsamoro a velocizzare l’elaborazione dell’autorizzazione della Legge di base Bangsamoro. Il Comitato dovrebbe presentare il progetto di legge per Bangsamoro alla fine di luglio. Le disposizioni che non sono ancora attuate nell’accordo del 1996 con il Mnlf e l’Accordo Complementare del 2014 sul Bangsamoro con il Milf saranno consolidate in una legge. L’incontro di Duterte con Murad è durato circa due ore.

Graziella Giangiulio