FILIPPINE. Marawi sarà ricostruita dai cinesi e la popolazione insorge

106

A Marawi sta salendo la rabbia dei residenti, perché non sono stati interpellati dal consorzio guidato dalla Cina che ricostruirà i quartieri distrutti dalla presenza Maute-Isis. Secondo quanto riporta Asia Times, il 1° aprile, i militari hanno permesso ai residenti, oggi sfollati, di visitare le loro case. Molti sono rimasti scioccati dalla devastazione causata dalla battaglia di cinque mesi tra le forze di sicurezza filippine e i combattenti dello Stato Islamico. 

A più di cinque mesi dalla vittoria militare dichiarata a Marawi, i 250 ettari di “terra bruciata” della città, a cavallo di 24 villaggi con una popolazione stimata di 11.000 famiglie, si stanno trasformando in un nuovo calderone di malcontento. Colpiti per primi dai terroristi internazionali, i risentimenti della popolazione locale si stanno spostando verso la Cina. Pochi giorni prima che i residenti dell’area potessero visitare le loro case, migliaia di sfollati hanno organizzato un raduno di preghiera e protesta nella città, condannando il piano di ricostruzione guidato dalla Cina.

Il governo di Manila ha stimato che la ricostruzione costerà oltre 51 miliardi di pesos; cinque imprese cinesi, guidate dal China State Construction Engineering Corp Ltd, Anhui Huali Construction Group Company, China Geo-Engineering Corp, Tbea Company e Shandong Jinyuan Homes Industry Development Co Ltd, compongono il consorzio. China State Construction Engineering è tra le principali aziende globali secondo Forbes, con una capitalizzazione di mercato di 43,2 miliardi di dollari a partire dal maggio dello scorso anno. Il presidente Rodrigo Duterte ha detto che il suo omologo cinese Xi Jinping gli ha dato una sovvenzione di 79,5 milioni di dollari per aiutare a ricostruire Marawi dopo un incontro all’inizio di questo mese a Pechino.

L’area devastata vedrà  la ricostruzione di un lungolago, una zona economica, una culturale e centri congressi, resort e alberghi.

A febbraio, Duterte ha emanato una direttiva che sospende le gare per i contratti di risanamento, ma i residenti hanno fatto appello a Duterte affinché respingesse il progetto di riabilitazione elaborato dal consorzio cinese. «I piani sono stati fatti senza la nostra partecipazione. I progetti non portano il timbro della nostra volontà né riflettono la nostra cultura», ha detto il gruppo. «Ci vengono imposte, la volontà e la visione di coloro che vivono lontano da noi. Si tratta di un’invasione di tipo diverso. Questo minaccia di derubare la nostra anima».

Il gruppo si è anche opposto alla costruzione di un nuovo campo militare a Marawi che Duterte ha lanciato lo scorso gennaio per rafforzare la sicurezza in città e prevenire il ripetersi di mesi di assedio che hanno ucciso 1.100 persone, per lo più militanti islamici.

Luigi Medici