FILIPPINE. Manila fortifica i suoi avamposti nel Mar Cinese Meridionale

35

Le Filippine hanno iniziato a riparare una pista d’atterraggio e a migliorare altre strutture sull’isola di Thitu, territorio del Mar Cinese Meridionale, che l’anno scorso è stato teatro di un confronto tra le navi cinesi e filippine.

Le immagini satellitari, scattate il 17 maggio, mostrano due chiatte ancorate vicino al bordo occidentale della pista, una delle quali sembra essere dotata di una draga, con una gru, ha detto il Centro per gli Studi Strategici e Internazionali, il 26 maggio. La pista di atterraggio sull’isola di Thitu è stata costruita negli anni Settanta del secolo scorso ed è stata la prima del suo genere nelle isole Spratly. Nel corso del tempo, tuttavia, l’estremità occidentale della pista si è sgretolata, rendendo difficile il decollo e l’atterraggio degli aerei a causa delle sue cattive condizioni.

Secondo quanto riporta poi Scmp, oltre alla riparazione della pista, nel 2017 sono stati costruiti sette nuovi edifici su Thitu, quattro dei quali vicino a una zona residenziale sul lato orientale dell’isola. Il confronto, dell’agosto 2018, è avvenuto quando una flotta cinese, tra cui pescherecci, guardia costiera e navi della marina militare, ha impedito ad una nave dell’Ufficio filippino per la pesca e le risorse acquatiche di avvicinarsi alla zona. Le Filippine avevano a lungo pianificato di riparare i loro impianti sull’isola, ma i lavori erano stati sospesi a quanto pare in risposta alle proteste di Pechino. La decisione di procedere con le riparazioni su Thitu potrebbe essere un segno della pressione interna sul presidente Rodrigo Duterte filippino per togliersi dall’influenza di Pechino.

Il Mar Cinese Meridionale è un’area ricca di risorse, come affermano Pechino, le Filippine, il Vietnam, la Malesia, il Brunei e il Vietnam. Gli Stati Uniti non sono uno Stato ricorrente, ma hanno inviato navi militari nelle acque controverse per condurre operazioni di libertà di navigazione.

La settimana scorsa, un bombardiere strategico H-6K dell’esercito di liberazione popolare cinese è atterrato a Woody Island, nel Mar Cinese Meridionale, causando la reazione del Pentagono e le proteste del Vietnam.

La Cina ha costruito sue strutture civili e militari nella via navigabile: secondo Reuters, la Cina ha ora quasi 400 edifici a Subi Reef, il più grande dei suoi sette avamposti artificiali nelle isole Spratly. Le vicine barriere coralline di Mischief e Fiery Cross ospitano quasi 190 edifici e altre strutture, le strutture combinate sono sufficienti per ospitare un reggimento di tra 1.500 e 2.400 soldati.

Antonio Albanese