Filippine, caccia all’uomo

55

FILIPPINE – Manila. 12/10/13. Il governo filippino ha ordinato una massiccia caccia all’uomo per Nur Misuari, presidente e fondatore del Fronte Nazionale di Liberazione Moro (MNLF), indicato come la mente durante l’assedio di tre settimane nella città di Zamboanga che ha provocato circa 200 morti e lo sfollamento di decine di migliaia di residenti. Una operazione di polizia e militari congiunta è ora in corso nella provincia di Sulu, la punta più meridionale dell’arcipelago delle Filippine, dove Misuari e alcuni dei suoi seguaci dovrebbero essere nascosti. A darne notizia l’agenzia di stampa cinese xinhua.

In precedenza, una città tribunale regionale di Zamboanga ha ordinato l’arresto di Misuari, i suoi comandanti di fiducia e di altri 60, accusati di ribellione e di violazione del diritto umanitario internazionale. A parte Misuari, la maggior parte degli altri co-imputati sono ora in custodia del governo.

Le autorità hanno detto che dopo tre settimane di intensi combattimenti, 126 gueriglieri MNLF sono stati uccisi, un numero imprecisato di essi feriti, e più 128 sono stati catturati o si è arreso. Diciotto i morti tra i soldati dell’esercito regolare e più di 100 feriti, mentre la polizia ha subito cinque morti e 114 feriti. Alcuni civili e ostaggi sono stati uccisi.

Circa 120.000 persone sono state sfollate e le proprietà danneggiate per milioni di pesos. Circa 10.000 case sono state bruciate dai ribelli. Ariel Huesca, portavoce del comando regionale della polizia a Zamboanga City, ha detto Misuari era in realtà il quinto, in ordine di importanza, tra i sospettati accusati di rivolta in connessione con l’attacco alla città di Zambonga che è iniziato il 9 settembre. Con al sua cattura le autorità hanno incarcerato 224 membri MNLF e leader in connessione con la violenza.

Il segretario per la Giustizia delle Filippine Leila de Lima ha espresso la fiducia nella giustizxia, asserendo che sono state raccolte numerose prove contro Misuari e i suoi combattenti dell’ MNLF che si sono arresi o sono stati catturati.

Misuari, ex professore dell’Università delle Filippine, ha organizzato la prima ribellione musulmana nelle Filippine nei primi anni 1970. Nel 1996, ha firmato un accordo di pace con il governo dell’allora presidente Fidel V. Ramos e divenne presidente della Regione Autonoma nel Mindanao Musulmano (ARMM), un soggetto autonomo che è stato creato dal l996 con un accordo di pace.

Quando Misauri ha perso la sua offerta per un nuovo mandato nel ARMM nel 2001, ha montato un’altra ribellione a Mindanao durante la quale hanno anche preso ostaggi civili.

Da lì è fuggito in Malesia, ma è stato arrestato ed estradato nelle Filippine. Scagionato per mancanza di prove. In seguito ha animato l’assedio a Zamboanga. Misuari non ha accettato l’accordo tra il governo del presidente Benigno Aquino e il Moro Islamic Liberation Front (Milf), formata da ex comandanti MNLF che abbandonarono Misuari, per la firma di un accordo di pace con il governo .

Sentendosi ignorato dal governo Aquino, Misuari ha dato vita a una nazione musulmana indipendente a Mindanao, chiamandola Bangsamoro Republik, e ha creato le proprie Bangsamoro Forze Armate e lui si è proclamato comandante in capo.

Secondo i rapporti dei servizi segreti, sotto il piano di Misuari, il Zamboanga raid è stato solo l’inizio di attacchi simili per il MNLF sulle città cristiane-dominanti e le città di Mindanao.

Mentre la ricerca di Misuari è in corso, il governo filippino ha annunciato un massiccio programma di riabilitazione per la città di Zamboanga che è stata pesantemente devastata da l’assedio per 21 giorni.

Il presidente Aquino ha impegnato 6,1 miliardi di pesos (150 milioni di dollari) in fondi governativi per la riabilitazione di Zamboanga City.

In precedenza, le Nazioni Central Emergency Response Fund Unite (CERF) hanno approvato un fondo di emergenza di 3 milioni di dollari per aiutare con il recupero di residenti di Zamboanga City e della vicina provincia di Basilan colpite da scontri del mese scorso.

I fondi sono assegnati alle agenzie delle Nazioni Unite come l’Organizzazione internazionale per i migranti.
Il governo giapponese ha anche annunciato che darà 2 milioni di dollari per sostenere l’emergenza a Zamboanga City. In un comunicato, l’ambasciata giapponese a Manila, ha riferito che il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha manifestato il desiderio di aiutare le Filippine durante l’incontro con il Presidente Aquino nella sessione dei colloqui bilaterali a margine del vertice Asean in Brunei all’inizio di questa settimana.