FILIPPINE. Duterte teme il golpe militare

197

Dopo il suo ritorno dal viaggio in Medio Oriente, il presidente filippino Rodrigo Duterte si è scagliato contro le forze armate del paese in un discorso alla nazione.

In un’intervista televisiva di un’ora, Duterte si è lamentato di essere arrivato al limite. Al centro delle proteste del presidente c’era la sua incapacità di comandare ai soldati di eseguire un ordine di arresto e di avviare un procedimento contro il suo principale oppositore, il senatore Antonio Trillanes. 

Secondo quanti riporta Asia Times, Trillanes, un ex ufficiale della Marina con legami con i vertici militari, ha usato le sue connessioni per resistere all’arresto attraverso la sua immunità parlamentare mentre critica il presidente in una serie di interviste per il suo presunto abuso di potere. Duterte si è scagliato contro i militari nel suo discorso televisivo per non aver rispettato il suo mandato democratico e li ha accusati di essere ingrati, vista la significativa spinta che ha dato agli stipendi e ai benefici delle forze armate.

«Non sto cercando di conquistarvi. È perché sono stato eletto presidente. Ora avete il mandato di proteggere il popolo e preservare la nazione. Volete distruggere tutto questo? Va bene», ha detto Duterte riferendosi alle forze armate.  Da quando ha vinto le elezioni, a metà del 2016, Duterte ha cercato di controllare strettamente la polizia e le forze armate.

Ci è riuscito, maggiormente, con la polizia nazionale filippina, la forza in prima linea nella sua controversa guerra alla droga, ma l’esercito è rimasto in gran parte distaccato e professionale, sottolineando passivamente e in modo aggressivo la necessità di sostenere lo stato di diritto e le procedure costituzionali. Il sostegno militare sarebbe cruciale se Duterte decidesse di implementare la legge marziale a livello nazionale. La legge marziale è attualmente imposta sull’isola meridionale di Mindanao per frenare la crescente militanza islamica.

Il discorso del presidente filippino ha comunque tradito i suoi timori per un potenziale colpo di stato contro il suo mandato.

Trillanes ha tentato due colpi di stato, falliti, nel 2003 e nel 2007, contro l’allora presidente e ora Presidente della Camera dei Rappresentanti Gloria Macapagal-Arroyo, alleato di Duterte. Anche se Trillanes ha trascorso più di sette anni in carcere per ammutinamento, ha raccolto una significativa simpatia pubblica per la sua posizione contro la presunta corruzione della Arroyo, abbastanza per vincere le elezioni per essere eletto al Senato e uscire dalla prigione. In seguito ha beneficiato dell’amnistia politica con l’amministrazione di Beningo Aquino.

Il senatore ha avviato indagini sulle finanze personali di Duterte, ha guidato un’indagine del Senato sui presunti legami della sua famiglia nel traffico di droga, e ha presentato un reclamo relativo alla guerra della droga contro di lui alla Cpi.

Antonio Albanese