FILIPPINE. Duterte chiude ai turisti l’isola – paradiso 

92

L’isola filippina di Boracay è stata chiusa ai turisti dal 26 aprile. La chiusura di sei mesi, imposta dal governo per risanare l’ambiente degradato dell’isola, potrebbe comportare un pesante tributo economico per il settore, che faceva lavorare 35.000 operatori in quella che era descritta come il paradiso delle Filippine. Nell’isola di 10 chilometri quadrati sono stati dispiegati oltre 600 agenti di sicurezza pesantemente armati per garantire, con un pugno di ferro, l’attuazione dell’ordine esecutivo di Rodrigo Duterte. Questa mossa ha alienato la maggior parte degli isolani che si trovano ad affrontare prospettive economiche fosche nei prossimi mesi. Nel mese di febbraio, Duterte aveva descritto Boracay come “una fogna puzzolente”, riporta Asia Times. L’ordine di Duterte ha scatenato le proteste legali e non degli operatori del settore che hanno accusato il presidente di essere un dittatore. 

Il 26 aprile, Duterte ha emesso il Proclama n. 475 per dichiarare Boracay in uno “stato di calamità” accelerando così lo sblocco dei fondi di riabilitazione per le famose spiagge di sabbia bianca e acque cristalline. Boracay si è affermata nel corso degli anni come la principale destinazione turistica delle Filippine, sia per i turisti stranieri che per quelli locali. L’anno scorso, Boracay ha ospitato più di due milioni di turisti, soprattutto stranieri guidati per la prima volta dai cinesi. Questi arrivi sono aumentati del 16% rispetto ai 1,7 milioni di turisti ricevuti nel 2016, come dimostrano i dati sul turismo locale.

Secondo la dichiarazione di stato di calamità di Duterte, ci sono alti livelli di coliformi fecali in alcune parti dell’isola a causa dello scarico di rifiuti direttamente in mare da parte di resort, aziende e residenze che non dispongono di adeguate strutture fognarie. Prima della chiusura, i turisti su Boracay hanno prodotto tra le 90 e le 115 tonnellate di rifiuti solidi al giorno, ben oltre la capacità di trasporto della località pari a 30 tonnellate.

Secondo la Boracay Foundation Inc, la più grande organizzazione commerciale dell’isola, Boracay genera entrate turistiche annuali di 56 miliardi di pesos, per lo più da turisti stranieri. Pur accogliendo con favore il tentativo del governo di riabilitare Boracay, il Bfi si è opposto alla chiusura totale dell’isola ai turisti. Centinaia di strutture illegali saranno demolite durante la chiusura di Boracay, e solo i residenti verificati sono autorizzati ad entrare e soggiornare sull’isola.

Una task force inter-agenzia ha stimato che la riabilitazione di Boracay sarebbe costato almeno 4,2 miliardi di pesos (80,9 milioni di dollari). D’altra parte, il governo afferma che erogherà più di 2 miliardi di pesos (38,5 milioni di dollari) per assistere la popolazione locale e i lavoratori sfollati colpiti.

Anche se Duterte ha sottolineato che le misure urgenti erano necessarie per arrestare i rischi indotti dall’uomo per proteggere e riabilitare l’isola, gli oppositori hanno avvertito che la chiusura potrebbe aprire la strada alla costruzione di un progetto di mega-casinò da 500 milioni di dollari, guidato dal gigante asiatico del gioco, Galaxy Entertainment Group, che Durterte ha incontrato nel dicembre 2017.

Graziella Giangiulio