FILIPPINE. Duterte annulla la visita a Tokyo

78

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha annullato formalmente la sua visita in Giappone a seguito degli scontri in corso nella città di Marawi sull’isola di Mindanao. Secondo il portavoce presidenziale Ernesto Abella, Duterte non sarà in grado di partecipare alla 23a Conferenza Internazionale Nikkei sul futuro dell’Asia nel mese di giugno, poiché la situazione a Mindanao richiede «tempo e attenzione indiscussa del presidente», riporta Abs-Cbn.

Il portavoce ha dichiarato che la visita «potrebbe essere riprogrammata in futuro (…) Le linee di comunicazione tra il dipartimento degli Affari esteri filippino e il suo omologo giapponese rimangono aperti e attivi a questo proposito», ha detto Abella.

Secondo il quotidiano filippino Sunstar, le forze di sicurezza di Manila  hanno sgombrato il 90 per cento della città di Marawi dal gruppo Maute. Il portavoce delle Forze Armate delle Filippine Restituto Padilla ha dichiarato che solo il 10 per cento della città è oggetto di combattimenti. «Le nostre forze di combattimento stimano che hanno lberato completamente circa il 90 per cento della città (…) Tuttavia, quel 10 per cento è probabilmente l’area che sarà fortemente custodita e difesa da questi uomini armati, come se proteggessero una persona di alto valore».

Alla luce del conflitto tra le truppe governative e il gruppo Maute, il presidente Rodrigo Duterte ha messo tutta Mindanao sotto legge marziale per 60 giorni. Il portavoce presidenziale Ernesto Abella ha ribadito che l’amministrazione è decisa a «ripulire Marawi dai militanti ancora in zona, salvare i residenti intrappolati, recuperare le vittime e i civili, assistere le organizzazioni governative locali, le organizzazioni della società civile e le organizzazioni non governative per le operazioni di soccorso». Abella ha detto che almeno 129 persone sono state uccise negli scontri di Marawi a partire dal 30 maggio: 19 civili, 89 militanti e 21 soldati. Il governo è stato in grado di salvare 960 residenti intrappolati e recuperato 91 armi da fuoco. Padilla ha dichiarato che il governo non ha ancora potuto valutare il tempo possibile di ritiro della legge marziale in tutta Mindanao, sottolineando che solo i comandanti in teatro possono dire “quando finirà”. Ha tuttavia citato che ci sono indicatori positivi che gli scontri termineranno presto.

Padilla ha anche garantito che la legge marziale è diversa da quella imposta dal dittatore Ferdinando Marcos Jr. Padilla ha aggiunto che: «Il governo è molto determinato nel ripristinare la pace, più lunga e sostenibile, e un buon ambiente di sicurezza per Mindanao.

Abella ha detto che è stato creato un corridoio umanitario dopo che il presidente ha incontrato i leader Milf e Moro. Abella ha detto che il corridoio umanitario è uno strumento per garantire la sicurezza dei civili, La consegna di aiuti umanitari necessario per gli sfollati di Marawi. «Durante la riunione, il Milf si è impegnato a collaborare con il governo per assicurare le aree in cui saranno istituiti questi corridoi umanitari», ha detto Abella.

Maddalena Ingrao