Incognita Filippine nel Sud Est Asiatico

12

ITALIA-Roma. 15/05/16. La testata IA REGNUM nella sua edizione di venerdì ha pubblicato una interessante analisi sull’innalzamento della tensione nell’aree controverse (isole) della Cina.

I vicini della Cina hanno infatti deciso di cooperare ma il recente cambio di governo nelle Filippine rischia di aumentare le tensioni nella regione. In fermento tutto il Sud-Est asiatico. Secondo la testata sta nascendo una vera e propria coalizione regionale contro la Cina che ha già formato e inizia a prendere azioni decisive. Come ad esempio le modifiche apportate ai bilanci della difesa e l’aumento del numero di accordi militari tra  paesi. Tuttavia, il ne presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, potrebbe cambiare in modo significativo l’equilibrio delle forze nelle controversie Mar Cinese Meridionale. India e Stati Uniti hanno recentemente completato i negoziati su uno sforzo comune per la “contro la guerra” nell’Oceano Indiano visto l’incrementarsi delle operazioni sottomarine cinesi.

L’India ha anche invitato il Giappone, il più importante alleato strategico degli Stati Uniti in Asia, per diventare una terza parte, nel negoziato con gli Stati Uniti in materia di esercitazioni militari annuali, che avranno inizio nel mese di giugno, nella parte settentrionale del Mar delle Filippine.

Inoltre, New Delhi, sembra propensa a cedere, temporaneamente, le sue strutture militari agli Stati Uniti in cambio di un accesso alla tecnologia delle armi. Questo evento è stato un passo importante verso la realizzazione della meta americana di trasformare l’India in uno stato “borderline”, circondato dalla Cina e la preparazione di una eventuale guerra con lui. Secondo la testata che riporta un articolo di un analisa tra gli obiettivi strategici degli Stati Uniti, tra cui la manutenzione delle alleanze militari con il Giappone, l’Australia e l’India, vi è quello di preparare un blocco navale in Cina. Dopo aver ottenuto il controllo sopra l’Oceano Indiano, gli USA saranno in grado di vietare l’accesso alle rotte marittime cinesi, che sostengono in gran parte la sua economia.

Il governo indiano, a sua volta, ha rifiutato di commentare l’argomento, come Nuova Delhi e vuole nascondere loro crescenti legami militari con gli Stati Uniti in segreto a causa del timore di opposizione del popolo. Il dato sarebbe confermato dal fatto che la Difesa nazionale in Australia e Singapore stanno acquistando sottomarini. David Brewster, un esperto di competizione strategica nell’Oceano Indiano dal Australian National University, ritiene che la cooperazione anti-sommergibile può finalmente toccare e l’Australia, un altro alleato degli Stati Uniti. «Soprattutto se si considera il fatto che l’Australia ha recentemente pubblicato un ordine per l’acquisto di 12 sottomarini dalla Francia vale 50 miliardi (!) Di dollari, come riportato dal New Matilda». Questo è 10 volte le spese annuali del Commonwealth sulla sfera educativa. La difesa dell’Australia nel 2016 ha riferito che alcuni dei 192 miliardi di dollari saranno spesi per l’acquisto di attrezzature militari, e la spesa militare totale raggiungerà i 495 miliardi.

Anche nel quadro di un accordo sul partenariato strategico globale firmato tra l’Australia e Singapore l’anno scorso, Singapore prevede di spendere circa 2 miliardi di dollari per lo sviluppo di strutture militari nel nord-est dell’Australia, riporta il Straits Times. Questo accordo permetterà alle truppe di Singapore di effettuare esercitazioni in Australia per 25 anni. Vale la pena notare che Singapore spende la più alta percentuale del PIL per la difesa – circa il 4% – rispetto ad altri paesi nel Sud-Est asiatico, tra cui Australia, che spende l’1,9%, riporta il Wall Street Journal. A rabbuiare i cieli del Sud Est Asiatico, l’elezione Rodrigo Duterte, a presidente delle Filippine il 10 maggio. Il nuovo presidente in Filippine è famoso per il fatto che, al momento del suo mandato come sindaco di Davao violava la legge anti-fumo, e minaccia l’esecuzione di 100.000 criminali, in 6 mesi senza accusa né processo, credendo che questo è il modo migliore per affrontare il crimine. E ancora ha rilasciato dichiarazioni in merito all’Australia non proprio edificanti. Per quanto riguarda la disputa sul Mar Cinese Meridionale, rispetto al quale le Filippine ha intentato una causa a L’Aia, Duterte ha detto che intende negoziare con la Cina per l’uso comune delle risorse, e quindi, secondo la Reuters, ha affermato che è pronto ad andare su una delle isole contese, per mettere la bandiera delle Filippine, da riprendere e di essere etichettato come un “eroe nazionale”. Ha anche riferito che non gli piace l’accordo con gli USA.