FILIPPINE. Cina primo partner commerciale 

36

La guerra commerciale USA-Cina ha favorito gli accordi bilaterali tra Pechino e i paesi dell’Asia. Per esempio cominciano a dare i primi frutti, è proprio il caso di dirlo, gli accordi commerciali stipulati dal governo filippino e dal governo cinese in materia di commercio della frutta, in modo particolare il cocco, un prodotto tipico per le Filippine.

“Con la politica estera indipendente del presidente (Rodrigo) Duterte, le relazioni tra le Filippine e la Cina sono diventate più calde, tali benefici si stanno ora accumulando nel settore del commercio e dell’industria”, ha dichiarato a Xinhua il segretario del commercio e dell’industria filippino Ramon Lopez.

Attualmente, Lopez ha dichiarato: “Il ruolo della Cina è diventato molto significativo nella nostra economia, dato che ora sono il nostro principale partner commerciale, il nostro secondo mercato di esportazione e la nostra fonte di importazione numero uno”.

Tan Qingsheng, vice capo missione e consigliere ministeriale presso l’ambasciata cinese nelle Filippine, ha affermato in precedenza che il volume degli scambi bilaterali tra le Filippine e la Cina nel 2018 ha raggiunto 55,7 miliardi di dollari USA, con un aumento dell’8,5% su base annua.

“La Cina è ora il principale partner commerciale delle Filippine, la più grande fonte di importazioni e il quarto più grande mercato di esportazione”, ha dichiarato il mese scorso a un forum di Belt and Road Initiative (BRI).

Nel corso degli ultimi due anni, Tan ha affermato che la Cina ha importato oltre 2 miliardi di dollari di frutti tropicali dalle Filippine.

Solo lo scorso anno, ha affermato che la Cina ha importato oltre 1 milione di tonnellate di banane ed è diventata il primo mercato di esportazione per le banane filippine.

Con l’ultima apertura al commercio del cocco per le Filippine si apre una stagione importante. In un recente rapporto sull’industria filippina del cocco si apprende che il cocco rimane una delle colture più importanti e un’importante esportazione delle Filippine. Si stima che 25 milioni di filippini dipendono direttamente o indirettamente dall’industria della noce di cocco per il loro sostentamento.

Tuttavia, afferma che, nonostante il continuo sostegno delle esportazioni di cocco, negli ultimi anni non vi è stato alcun miglioramento significativo nel settore del cocco, aggiungendo che lo sviluppo del settore del cocco significherebbe un significativo miglioramento del benessere sulla vita di milioni di persone filippine. Un prodotto che incide al 3.6 per cento del valore aggiunto lordo (GVA) del paese in agricoltura, accanto alla banana , mais e riso.

Graziella Giangiulio