FILIPPINE. Carico d’armi russe per Duterte

76

Tre navi da guerra russe, tra cui due navi anti-sottomarino, sono attraccate a Manila dal 19 ottobre per scaricare, stando a fonti della marina filippina, armi e veicoli militari donati alle Filippine come parte della nuova relazione della Difesa tra i due paesi. Questa è la terza visita ufficiale di navi da guerra russe in porti filippini, nell’ambito della politica del Presidente filippino Rodrigo Duterte di sganciare Manila dalla dipendenza Usa e di impegnarsi strettamente con Mosca, riporta Reuters.

Il carico comprendeva 5.000 fucili d’assalto, un milione di cartucce e 20 camion dell’esercito, stando a fonti ufficiali della marina russa e filippina.

«Faremmo del nostro meglio per fare di questo dono un contributo significativo che mostri i legami amichevoli e le relazioni tra due nazioni nell’interesse della sicurezza e della stabilità in questa regione», ha detto Eduard Mikhailov, vice comandante della flotta russa del Pacifico. La visita era stata programmata per coincidere con l’arrivo la prossima settimana del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, che sta partecipando a un meeting regionale della difesa, e della controparte statunitense Jim Mattis, riportano fonti militari filippine.

Russia e Filippine dovrebbero firmare un accordo di sicurezza sulla logistica militare a breve. Lo scorso gennaio ci fu la prima visita in assoluto di navi da guerra russe nelle Filippine. 

La visita di gennaio della marina militare russa arrivò a meno di un mese dalla visita dei ministri degli Esteri e della Difesa filippini a Mosca per discutere della vendita di armi dopo la minaccia degli Stati Uniti di bloccare la vendita di 26mila fucili d’assalto alle Filippine a causa della preoccupazione relativa all’elevato numero di vittime nella guerra alla droga lanciata da Duterte.

Anna Lotti