FILIPPINE. Armi cinesi contro lo Stato Islamico a Marawi

155

Le Filippine stanno ricevendo milioni di armi dalla Cina per combattere Daesh. Il segretario alla Difesa filippino Delfin Lorenzana, ha detto che Pechino ha donato 7,35 milioni di dollari in armi e munizioni per combattere i terroristi islamici.

Le armi cinesi aiuteranno l’esercito delle Filippine nella lotta contro i terroristi islamici, ha detto a una cerimonia l’ambasciatore cinese alle Filippine, Zhao Jianhua. Le armi automatiche sono state testate personalmente dal presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, durante la cerimonia. Il presidente filippino ha espresso la gratitudine del suo popolo al presidente cinese Xi Jinping per il dono.

Oltre all’assistenza militare per il conflitto in corso a Marawi sull’Isola di Mindanao, il trasferimento di armi segna anche una nuova era nei rapporti tra le forze armate dei due paesi, ha detto l’ambasciatore. Zhao ha anche affermato che il secondo lotto di assistenza militare è già stato assegnato e sarà presto consegnato alle Filippine; secondo lui, il terrorismo è il nemico comune della Cina e delle Filippine e richiede che le forze armate dei due paesi cooperino. Il diplomatico cinese, riporta ha notato che Pechino è pronta a contribuire alla formazione congiunta del personale militare, allo scambio di informazioni e ad esercitazioni militari congiunte per combattere il terrorismo. Inoltre, la Cina donerà 5 milioni di pesos filippini alle famiglie dei militari morti in battaglia con i terroristi di Marawi e ai soldati feriti.

Duterte ha detto che la Cina, essendo un «buon amico, capisce» la gravità della situazione nella lotta con i militanti. A seguito dei recenti avvenimenti, il presidente delle Filippine ha iniziato a dubitare degli aiuti americani; ha osservato di non essere a conoscenza di qualsiasi assistenza tecnica degli Usa alle truppe delle Filippine che combattono a Marawi. Le Filippine sono collegate agli Stati Uniti da un trattato di difesa reciproca; per molto tempo, il paese si basava esclusivamente su armi americane; quasi sempre si trattava di mezzi militari e armamenti già fuori utilità tecnica; non era quindi materiale nuovo.

La Cina si sta rivelando un partner interessante per Manila: fornisce assistenza in molti settori, soprattutto nell’economia; negli ultimi sei mesi sono stati firmati accordi per quasi 25 miliardi di dollari. La controversia sul Mar Cinese Meridionale, vinta legalmente da Manila ma non fatta valere dalla presidenza Duterte, non sembra aver diviso troppo Pechino e Manila. La Cina sta investendo nei paesi Asean, Filippine comprese, e sta armando il marea centro delle contese.

Graziella Giangiulio