F35: accordo DoD – Lockheed

81

USA – Washington 01/08/2013. Il Pentagono ha raggiunto un accordo di principio con la Lockheed Martin per l’acquisto del sesto e settimo lotto di F-35 Joint Strike Fighter.

L’accordo, annunciato il 30 luglio, prevede l’acquisto di 36 jet nel sesto lotto di produzione iniziale (LRIP-6) e 35 nel settimo. Anche se principalmente valido per gli Stati Uniti, l’accordo comprende i velivoli per i partner internazionali: Australia, Italia, Norvegia e Regno Unito. Le consegne LRIP-6 inizieranno entro la metà del 2014, seguite un anno dopo con quelle LRIP-7, secondo una dichiarazione del F-35 Joint Program Office e della Lockheed. Anche se è stato raggiunto l’accordo di principio, i dettagli dei costi non sono stati inclusi, dovrebbero arrivare, informa Defence News, in genere un mese dopo l’accordo iniziale. Nella dichiarazione si legge  che “in generale” i prezzi unitari per i jet statunitensi del lotto LRIP-6 sono del 4 per cento inferiori rispetto al lotto LRIP-5, che era di 4 miliardi di dollari per 32 aerei. I prezzi unitari del lotto LRIP-7 avranno un ulteriore riduzione del 4 per cento. L’F-35 è una parte fondamentale del piano del Pentagono per mantenere la superiorità aerea nel prossimo decennio e modernizzare una vetusta flotta aerea. La US Air Force è il più grande acquirente singolo, con un acquisto previsto di 1.763 modelli F-35A a decollo convenzionale, i Marines hanno in programma di acquistare il modello “jump-jet” F-35B e la Marina acquisterà la variante carrier F-35C. Nel lotto LRIP-5, la variante F-35A è costata 105 milioni dollari per ogni velivolo, l’F-35B è costata 113 milioni dollari per jet, e il costo per la variante F-35C è stata di 125 milioni dollari ogni singolo jet. Sulla base di tali costi, riducendo del 4 per cento ciascuno dei lotti si hanno i seguenti costi unitari:

F-35A: 100.800 mila dollari nel lotto LRIP-6, 96,7 milioni di dollari nel LRIP-7.

F-35B: 108.400 mila dollari nel LRIP-6, 104,1 milioni di dollari nel LRIP-7.

F-35C: 120 milioni di dollari nel LRIP-6, 115,2 milioni di dollari nel LRIP-7.

Oltre agli Stati Uniti, il programma dispone di otto partner internazionali, così come due nazioni non partner, Israele e Giappone, che si sono impegnate per l’acquisto della quinta generazione dei jet. L’inclusione dell’Italia nel lotto LRIP-6, il suo primo acquisto ufficiale, è al centro del dibattito politico. L’Italia, tra l’altro, ha già ridotto il suo ordine pianificato da 131 a 90.