Ucraina: Eurovision lascia Kiev?

305

di Anna Lotti UCRAINA – Kiev 30/11/2016. L’Ucraina rischia di perdere il diritto di ospitare Eurovision nel 2017, se non accelererà la sua organizzazione. Lo ha detto il 27 novembre il direttore generale della tv di stato ucraina Alexander Harebin, ripreso da Lenta.ru.
Ai primi di ottobre, l’European Broadcasting Union avrebbe minacciato l’esclusione, visto il ritardo per la preparazione del concorso. Tra le motivazioni addotte erano «la burocrazia, la legislazione inadeguata e l’atteggiamento sprezzante di alcuni funzionari per il concorso»; Harebin ha osservato che l’Ucraina ha ridotto significativamente il portafoglio degli ordinativi per il programma: ai primi di ottobre, gli organizzatori erano in ritardo di tre mesi, e alla fine di ottobre di un sol mese ma sempre in ritardo.
La decisione finale, se non permettere all’Ucraina di tenere il concorso, sarà presa in una riunione della European Broadcasting Union, l’8 dicembre prossimo.
Il 6 novembre, Kiev avrebbe ammesso di avere problemi con il finanziamento di Eurovision, lo ha detto l’ex capo della Natstelekompanii e guida del comitato organizzatore del concorso Zurab Alasania, dimesso il 1° novembre. Dietro la sua decisione di lasciare, «la resistenza della burocrazia», ha detto, che non vuole aumentare le attività del fondo destinato a Eurovision.
L’Ucraina aveva preventivato 15 milioni di euro per Eurovision; uno stanziamento tre volte inferiore a quello assegnato al concorso in Azerbaigian, nel 2012.