Accordo Europol – Colombia

47

COLOMBIA – Cartagena 24/10/2013. Europol, l’agenzia dell’Ue finalizzata alla lotta al crimine, ha firmato un accordo con le autorità colombiane per condividere le informazioni e i dati dei casellari giudiziari al fine di combattere la criminalità organizzata. Il ministero della difesa colombiano ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che indica il protocollo d’intesa è stato firmato dai rappresentanti di Europol e della polizia colombiana durante unan riunione dell’Interpol a Cartagena, in Colombia.

L’ accordo prevede che la Colombia potrà avere le informazioni sui criminali di tutti i 28 Stati membri dell’Unione europea e di altre nazioni Europol. Il memorandum viene firmato proprio mentre si assiste ad un aumento del traffico di droga e di esseri umani dalla Colombia agli stati europei, secondo la polizia di Bogotà. La condivisione delle informazioni permetterà ai funzionari colombiani di rafforzare le strategie per smantellare la criminalità organizzata transnazionale. Il ministro della Difesa colombiano, Juan Carlos Pinzón (nella foto), ha dichiarato: «Siamo pronti ad aiutare i nostri alleati e ogni nazione del mondo che lo richieda, al fine di prevenire e perseguire il crimine in tutte le sue forme».  Pinzón ha anche affermato che il suo paese continuerà a rafforzare la propria capacità di assistere le nazioni in modo da «garantire la sicurezza dei cittadini». I delegati di 190 paesi hanno preso parte alla LXXXII assemblea dell’Interpol, per discutere i meccanismi atti a bloccare le minacce alla sicurezza globale. Parlando all’assemblea, Pinzón ha ricordato ai delegati che le forze armate colombiane hanno formato più di 11 milioni di appartenenti alle forze di polizia provenienti da oltre 45 paesi negli ultimi tre anni. E ha concluso: «Vogliamo continuare a lavorare con i paesi a livello multilaterale e regionale, tenendo conto che la delinquenza, il traffico di droga a livello mondiale e il terrorismo sono fenomeni dinamici e mutevoli».